Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
22 febbraio 2012

L'Inter sa solo perdere: il Marsiglia passa nel recupero

print-icon
aye

Ayew esulta dopo la rete finale: sullo sfondo la disperazione di Stankovic

Una rete di André Ayew a pochi secondi dal fischio finale gela le speranze nerazzurre: l'Olympique vince 1-0 e si regala una fetta di qualificazione mentre Ranieri ora rischia seriamente la panchina. Nell'altra sfida, clamoroso 1-0 del Basilea sul Bayern

VIDEO: tutti i gol da Sky Sport - i video effetto stadio

FOTO: tutta la Champions League in un Album - Milan-Arsenal, scontro generazionale a San Siro - Scontri tra tifosi e polizia prima di Milan-Arsenal - Emozioni da ottavi di Champions League - Birre e foto ricordo, i tifosi del Chelsea a Napoli - Napoli-Chelsea, spettacolo in campo e sugli spalti

OLYMPIQUE MARSIGLIA-INTER 1-0
48' st A. Ayew

Le pagelle

Guarda la cronaca


L'Inter sa solo perdere, ormai: quando Ranieri pensava di portare a casa dal Velodrome uno 0-0 che avrebbe tenuto completamente aperto il discorso qualificazione, un colpo di testa di André Ayew in pieno recupero ha gelato le speranze del tecnico e di tutti i tifosi nerazzurri. L'Olympique ha dunque vinto 1-0, si è messa in tasca una fetta di qualificazione e ha di fatto inguaiato ancora di più Ranieri. Il quale, ora, deve necessariamente sentirsi a rischio: quattro sconfitte nelle ultime quattro partite, cinque nelle ultime sei. Troppe, anche per Moratti che ora vede compromesso il cammino europeo.

Già, perché per passare l'Inter dovrà obbligatoriamente vincere il retour match, possibilmente senza prendere gol, perché a San Siro verosimilmente l'ambiente sarà caldo e pronto a contestare al primo eventuale segno di resa e perché, in fondo, non è facile pensare a sorti meravigliose e progressive quando la speranza di cambiare l'inerzia è affidata a Zarate e Forlan, spenti anche nella notte marsigliese, o a uno Sneijder cui la prima giocata utile riesce solo al minuto 81.

Anche al Velodrome, in effetti, i nerazzurri hanno confermato una certa abulia: Ranieri è andato in campo per non subire gol seguendo la sua classica filosofia e, sebbene l'Inter non abbia rischiato granché, nemmeno ha mai dato seriamente l'impressione di poter passare in vantaggio. Solo Stankovic, a un quarto d'ora dalla fine, ha avuto una palla ghiotta ma casuale per andare a rete, ma la sensazione è appunto che si sia trattato di qualcosa di estemporaneo. E questo nonostante l'Olympique stesso non fosse in serata e abbia lasciato intendere di non essere certo un avversario di cui avere paura. Ma l'Inter, oggi, deve avere paura principalmente di sé stessa, per opere e omissioni. L'amaro epilogo del Velodrome lo certifica: un gol all'ultimo secondo, su calcio d'angolo sostanzialmente regalato, per un'altra serata da dimenticare.


BASILEA-BAYERN MONACO 1-0

40' st Stocker

Le pagelle

Guarda la cronaca


Un palo di Dragovic, una traversa di Frey, diverse azioni pericolose, un gol che arriva solo nel finale ad opera di un subentrato: di fronte a un Bayern Monaco che anche in Svizzera è un'istituzione, il Basilea ha vissuto una delle serate più gagliarde della sua storia in Champions League, un 1-0 firmato dalla rete di Stocker che rischia ora di portare i rossoblù a una storica qualificazione ai quarti. All'Allianz Arena, infatti, il Bayern dovrà ribaltare un risultato tanto imprevisto quanto meritato.