Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
07 novembre 2013

Il giallo rossonero: Mario, ma che fine hai fatto?

print-icon
bal

Mario Balotelli esce pensieroso dal Nou Camp dopo il secondo tempo giocato contro il Barça

IL CASO . La panchina di Balotelli al Camp Nou non può passare come una decisione normale. Perché non è normale che il giocatore rossonero numero uno per importanza non parta titolare. E allora qual è stato il segnale di Allegri? Semplice...

di Luca Tommasini

Una scelta, ma soprattutto un segnale. La panchina di Balotelli al Camp Nou non può passare come una decisione normale. Perché non è normale che il giocatore rossonero numero uno per importanza, potenzialità e aspettative non sia stato titolare nella sfida più prestigiosa della stagione del Milan.

Perché, dunque, la panchina? Escludiamo il turnover: SuperMario è squalificato in campionato per la gara di domenica contro il Chievo. E questa semmai sarebbe stata una ragione in più per farlo giocare dall'inizio. La spiegazione di Allegri è semplice: scelta tecnica, tattica e mentale. "Balotelli non è abituato a giocare ogni 3 giorni, perché prima del Milan non è mai stato un titolare fisso" - dice l'allenatore. Vero. Ma all'Inter era un ragazzino, e così si spiegano le 51 panchine e le 60 tribune con Mancini e Mourinho. Al City poi c'era una concorrenza spietata, con attaccanti di altissimo livello, che lo costrinsero per 39 volte in panchina e 31 in tribuna. E in nazionale invece, dove le alternative al ct comunque non mancano, è quasi sempre titolare.

E allora qual è stato il segnale di Allegri? Semplice. Se appari svogliato, se non sei in forma, e se non getti il cuore oltre l'ostacolo quando vai in campo, non giochi. Un segnale forte, apprezzato dalla squadra (perché significa che tutti vengono trattati allo stesso modo) e colto quasi con indifferenza da SuperMario...

Ha riso e scherzato con i compagni dall'arrivo al Camp Nou fino alla partenza del pullman. La sua faccia appariva tutt'altro che turbata o infastidita. 3 buone giocate in 45 minuti. Abbastanza per guadagnarsi la sufficienza, ma non per risolvere il caso: che fine ha fatto il Balotelli che ha portato il Milan in Champions?