Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
21 aprile 2014

Simeone: "Mou meglio di me". José: "Non c'è paragone"

print-icon
[an error occurred while processing this directive]

Il Cholo alla vigilia di Atletico-Chelsea elogia il portoghese ma avvisa: "Decideranno i dettagli". Lo Special One: "Non è giusto paragonare qualcuno con 15 anni di esperienza a qualcuno che ne ha decisamente di meno"

Tra i tanti motivi di interesse che una semifinale di Champions ha già di per sé, Atletico Madrid-Chelsea, in programma domani sera al Vicente Calderon, offre certamente una chicca in più: il ritorno di José Mourinho nella capitale spagnola.

E prima di affrontarlo in campo Mou risponde a Simeone a parole: "Non credo", risponde seccato quando gli dicono che il 'Cholo' ha detto di sentirsi meno bravo di lui: "E' difficile paragonare due tecnici e sarebbe meglio evitare - risponde - Non è giusto paragonare qualcuno con 15 anni di esperienza a qualcuno che ne ha decisamente di meno. Non mi piace fare questo genere di cose. Ho sentito cose belle (su Simeone, ndr), ma non sono d'accordo".

Della serie, prima vinca quanto ho vinto io e poi ne riparliamo. I riconoscimenti all'avversario però non mancano: "Nessuna squadra arriva in semifinale di Champions se non è un'ottima squadra e non ci sono eccezioni". Senza Eto'o, che ha problemi al ginocchio, toccherà probabilmente all'ex di lusso, Fernando Torres, partire titolare: "Non so se Fernando partirà titolare, dico solo che è uno che non si nasconde. So che è un tifoso dell'Atletico, un grande tifoso direi, ma è un professionista. Non ho dubbi che se domani andrà in campo darà il massimo per il Chelsea".

Sull'altra panchina troverà il tecnico rivelazione dell'anno, quel Simeone che da una parte lo osanna ("Ho amato tremendamente il Real di Mourinho, una squadra solida e veloce", ha detto tempo fa) e dall'altra non lo teme affatto. "Sarà una semifinale equilibrata e difficile come è giusto che sia - le parole del 'cholo' alla vigilia - e un duello che verrà deciso dai dettagli. Il lavoro di squadra sarà un aspetto molto importante per tirare fuori quelle qualità che potrebbero decidere il match. Non siamo squadre uguali, ma abbiamo caratteristiche simili. Siamo due squadre che subiscono pochi gol, forti in difesa e in grado di ripartire in verticale. Rispettiamo i nostri rivali, ma siamo concentrati solo su noi stessi", aggiunge il tecnico argentino che poi minimizza il caso Courtois: "Lo vedo pieno d'entusiasmo, come i suoi compagni, e nessuno mi ha detto che non posso utilizzarlo". Poi glissa sul futuro: "Lo United? Con tutto il rispetto io sono concentrato solo sulla partita di domani in Champions".