Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
17 settembre 2014

Questa Roma è un uragano: Cska spazzato via 5-1

print-icon
rom

La Roma ha battuto 5-1 il Cska nella prima giornata della Champions League 2014-2015 (Foto Getty)

Giallorossi perfetti nel match che li riporta in Champions dopo tre anni e mezzo. Tre gol in 20’: segnano Iturbe (esordio assoluto), Gervinho (doppietta) e Maicon. Nella ripresa autorete di Ignashevich, poi accorcia Musa

ROMA-CSKA MOSCA 5-1
6' Iturbe (R), 10' e 30' Gervinho (R), 20' Maicon (R), 50' aut. Ignashevic (C), 82' Musa (C).

Guarda la cronaca del match


LE PAGELLE

La Roma torna in Champions League dopo oltre tre anni dalla bruciante eliminazione contro lo Shakhtar Donetsk (3-0, 8 marzo 2011), e contro un'altra russa, il Cska Mosca, si riscatta grazie al pesante 5-1 dell’Olimpico.

I precedenti - Cinque vittorie e una sconfitta con le squadre dell’ex Unione Sovietica; solo una di queste sfide ha incrociato capitolini e moscoviti: Coppa delle Coppe 1991-1992, con passaggio del turno per i giallorossi.

Tatticamente – Nel 4-3-3 di Garcia ci sono Maicon e Torosidis sugli esterni in difesa. Il greco è la novità a circa un’ora dall’inizio del confronto. A centrocampo tocca a Keita sostituire lo squalificato De Rossi, mentre Totti-Gervinho-Iturbe formano il tridente d’attacco. Per l’argentino e per Astori, centrale di difesa con Manolas, è l’esordio assoluto in Champions. La risposta del tecnico Slutski è un Cska in modalità 4-2-3-1, in cui spiccano e pesano le assenze degli squalificati Dzagoev e Wernbloom, e degli indisponibili Cauna, Elm e Vitinho.

Olimpico in estasi - Che i russi siano già arrivati alla settima giornata di campionato, dunque sulla carta con una migliore condizione fisica, non se ne accorge proprio nessuno. Merito della Roma, che in venti minuti è già sul 3-0. L’avvio, inteso come i primi 120 secondi, traggono in inganno: i giallorossi attaccano e il Cska si copre, compatto e ordinato, per poi ripartire con una certa sfacciataggine. Illusione ottica, poco dopo si scatena l’uragano giallorosso. La tempesta perfetta di Garcia passa attraverso un gioco lineare, aggressivo e che non concede più nulla al Cska. Iturbe, Gervinho, Maicon e ancora Gervinho: 4 gol e l’Olimpico va in estasi. L’unica stonatura l’infortunio muscolare di Iturbe, costretto ad uscire al 25’. Al suo posto Florenzi.

La ripresa, la sfiga e l’Impero… -
Diciamocela tutta, i giocatori russi a un certo punto hanno suscitato pure una certa tenerezza. Imbarazzante difesa a parte, il sentimento di umana pietas nasce dal quel pizzico di sfiga che al 15’, dopo una disattenzione in mezzo al campo, porta Doumbia ad incespicare davanti a De Sanctis (sarebbe stato il 2-1), e poi al 50’ Ignashevich a deviare nella propria porta un colpo di testa di Florenzi (gran lavoro di Torosidis a sinistra). Solo un rimpallo permette a Musa di superare De Sanctis (5-1), mentre Milanov colpisce la traversa allo scadere, con il pallone forse oltre la linea. Episodi che evidentemente non cambiano il senso del match. Uno striscione esposto dalla Curva Sud recita: "In Europa torna fiero il colore dell'Impero". Cinque gol sono un ottimo biglietto da visita per i giallorossi, molto meno quello che è accaduto fuori dallo stadio prima della partita: due feriti. Ma non proprio una novità.