Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
10 aprile 2015

Youth League, sfuma il sogno della Roma: Chelsea in finale

print-icon
you

Nella semifinale di Nyon, la Primavera di Alberto De Rossi resiste un tempo ma subisce due reti nei primi cinque minuti della ripresa ed esce sconfitta 4-0. Gli inglesi si giocheranno il trofeo con lo Shakhtar il 13 aprile

ROMA-CHELSEA 0-4
47' Colkett, 49' e 56' Solanke, 83' Abraham

Termina a Nyon la favola della Roma di Alberto De Rossi, arrivata con merito fino alla semifinale di Youth League. Resterà il ricordo delle imprese compiute contro Ajax e Manchester City, ma al cospetto dei pari età del Chelsea i giallorossi hanno retto soltanto 45', incassando un poker che lascia un po' di amaro in bocca.
La ripresa è iniziata non male, malissimo: chissà cosa deve aver detto Viveash ai suoi all'intervallo, perché i Blues che rientrano in campo sono indemoniati. Marchegiani Jr deve raccogliere il pallone dalla propria rete due volte in trecento secondi: Colkett la sblocca al 47', il bomber Solanke ribadisce il vantaggio al 49'. Ancora il numero 9 del Chelsea, il più temuto alla vigilia, è lesto ad avventarsi su un pallone non trattenuto dal portiere della Roma firmando la personale doppietta e il tris degli inglesi.
La reazione giallorossa si limita ad alcune soluzioni su calcio piazzato: al 65' Verde si incarica di una punizione di poco fuori dal limite dell'area impegnando Collins; arrivano anche dei corner sui quali la difesa inglese si difende e mantiene inviolata la propria porta. Nel finale, il tris diventa poker, decretando un passivo forse troppo pesante per una Roma che è stata sì inferiore ma forse non da 0-4. E' di Abraham il gol che arrotonda un risultato che rischiava di prendere anche la forma di una manita, se non fosse stato per gli interventi di Marchegiani quando ormai i giallorossi pensavano soltanto a porre fine all'agonia.
Il Chelsea se la vedrà con gli ucraini dello Shakhtar Donetsk nella finale in programma il 13 aprile alle 16.00 e per quanto visto si presenterà da assoluta favorita.





Nella prima semifinale lo Shakhtar Donetsk ha eliminato l'Anderlecht vincendo 3-1 in rimonta, grazie al momentaneo pareggio di Denys Arendaruk e alla doppietta di Viktor Kovalenko.