Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
21 ottobre 2015

Allegri: "Sono molto arrabbiato, bisogna fare meglio negli ultimi trenta metri"

print-icon
[an error occurred while processing this directive]

L'allenatore della Juve dopo lo 0-0 con il Borussia Monchengladbach non è soddisfatto: "Dobbiamo migliorare e farlo velocemente. L'episodio alla fine del primo tempo poteva cambiare la partita, ma la partita dovevamo cambiarla noi". Buffon: "Ai punti meritavamo noi"

"L'episodio alla fine del primo tempo poteva cambiare la partita, ma la partita dovevamo cambiarla noi sotto l'aspetto tecnico". Massimiliano Allegri non nasconde tutta la sua delusione per il pari senza reti della Juventus in Champions contro il Borussia M. a Torino. "Stasera - ammette l’allenatore bianconero - sono molto arrabbiato perché bisogna far meglio negli ultimi trenta metri. In certe situazioni bisogna essere più lucidi, dobbiamo migliorare e farlo velocemente. Quando ci sono compagni messi meglio bisogna passargli la palla. Sono due partite che non riusciamo a far gol, alcune volte siamo stati un po' egoisti".

Le parole di Buffon -
"Pareggio risultato giusto? Magari ai punti avremmo vinto noi anche se non abbiamo avuto colossali palle gol". Parola di Gianluigi Buffon. "Abbiamo avuto più possesso territoriale e una maggiore spinta - aggiunge il capitano bianconero - però loro non hanno rubato niente. Superato il record di minuti in Champions di Del Piero? E' una bella soddisfazione anche se le cose che gratificano tanto sono i successi di squadra da condividere con i compagni".

Pogba e il numero 10 - Ci ha provato in tutti i modi ma alla fine il gol non è arrivato. Una delusione per Paul Pogba, sempre oggetto di critiche da quando ha voluto e ottenuto la 'pesantissima' maglia numero 10. "Io voglio fare sempre bene, poi ascolto solo l'allenatore, non ascolto gli altri, mi concentro solo sul campo e penso a dare il meglio", ha detto a fine gara. In quanto alla pressione della maglia numero 10, Pogba non si preoccupa: "E' solo un numero, se facevo un gol oggi nessuno avrebbe parlato del numero dieci, sono solo parole".