Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
08 dicembre 2015

Llorente punisce la Juve, vince il Siviglia 1-0: bianconeri secondi

print-icon
llo

Fernando Llorente castiga la Juve: la sconfitta a Siviglia significa 2°posto nel girone (Getty)

Un colpo di testa del grande ex al 65' decide il match del Sanchez Pizjuan. E' un gol pesantissimo perché manda gli spagnoli in Europa League, ma soprattutto relega i ragazzi di Allegri alle spalle del City nel Gruppo D

SIVIGLIA-JUVENTUS 1-0
65' Llorente (S)

La cronaca del match


Llorente castiga la Juve e spedisce il Siviglia in Europa League. E' un gol dell’ex pesantissimo quello dello spagnolo, anche per gli uomini di Allegri. I bianconeri, infatti, a causa dell’1-0 del Sanchez Pizjuan e del concomitante 4-2 in rimonta del City sul Borussia Moenchengladbach chiudono secondi alle spalle degli inglesi.


Al Sanchez Pizjuan si giocava con più di un occhio su quello che succedeva all’Etihad di Manchester. Per il primato del girone e per il terzo posto. Alla fine l’hanno spuntata il City e il Siviglia. Al termine della sesta giornata del Gruppo D la Juve si deve accontentare del secondo posto, piazzamento che espone i bianconeri ai rischi Real Madrid, Barcellona e Bayern. Una situazione che nella conferenza stampa della vigilia Allegri aveva fatto vivamente capire di voler evitare.


Ma l’allenatore dei bianconeri ha dovuto fare i conti con il colpo di testa vincente di Llorente che al 65’ ha punito Buffon, non ha esultato, ma deciso di fatto il match. I bianconeri possono recriminare per due grandi occasioni non capitalizzate da Morata e soprattutto per una clamorosa traversa colpita da Dybala nel secondo tempo. La prima sconfitta in questa edizione della Champions costa carissimo alla Juve. Fa festa il Siviglia che tornerà a giocare in Europa League per provare a difendere per il secondo anno consecutivo il titolo conquistato lo scorso maggio a Varsavia. Un po’ meno la Juve che dovrà ripartire da questo secondo posto e da un sorteggio agli ottavi di finale tutt’altro che agile.