Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
27 maggio 2016

Simeone ci crede: "Lavoro per realizzare sogni"

print-icon
05_

Diego Pablo Simeone carica i suoi: "Poche squadra ci sono superiori" (Foto Getty)

L'allenatore dell'Atletico avverte il Real Madrid: "Poche squadre ci sono superiori. Abbiamo stabilità, equilibrio, un'idea di lavoro, competenza". Torres: "Questa finale è la partita della vita per me"

A inizio stagione l'Atletico Madrid non era fra le favorite per arrivare in finale di Champions League, ma Diego Simeone ci ha sempre creduto: "Ho allenato con grande competenza, intensità e volontà di realizzare i sogni", ha sottolineato il Cholo alla vigilia della sfida con il Real Madrid, "Nulla mi farebbe felice se non vincere". "Poche squadre ci sono superiori. Abbiamo stabilità, equilibrio, un'idea di lavoro, competenza. Io sono il leader di questa squadra, la sostengo al massimo per vincere", aggiunge Simeone.

 

Cristiano Ronaldo non apprezza la filosofia di gioco dell'Atletico, etichettata come cholismo? Nessun problema. "Ho enorme rispetto per grandi giocatori come CR7, sono opinioni rispettabili. Il calcio è come la politica e la religione, ognuno può avere la propria opinione". "La mia squadra affronterà con la volontà di far male: il nostro atteggiamento non sarà diverso rispetto al passato", avverte Simeone, "Molti dicono che giocare in contropiede non è bello. Per me è importante in funzione del risultato". In conferenza l'allenatore dell'Atletico ha citato più volte Casemiro: "Per l'equilibrio del Real è senz'altro più importante di Ronaldo, Bale e Benzema", spiega Simeone.

 

Torres: "E' la partita della vita, per me" - Ha già vinto una Champions con il Chelsea, ma farlo con la maglia della squadra in cui ha iniziato a giocare a 11 anni darebbe tutt'altra soddisfazione a Fernando Torres: "Questa è la partita della vita per me. E' la più bella, speciale e importante di tutta la mia carriera" ammette l'attaccante dell'Atletico Madrid, "Questo club mi ha dato la possibilità di giocare a calcio sin da piccolo. E Simeone mi ha dato la possibilità di tornare e lottare per quello che più voglio. Ho lottato tantissimo con la squadra per ottenere l'obiettivo".