Crollo Barcellona, le cause dell’umiliazione

Champions League
psg_barcellona_getty

In Spagna si cercano i perché della pesante sconfitta della formazione catalana, mai entrata in campo contro i ragazzi di Emery e incapace di reagire fino alla fine. Dalle scelte dell’allenatore alla condizione fisica non ottimale; i blaugrana non sono più alieni

Disastro, umiliazione, speranze di qualificazione ai quarti in frantumi. In questo modo i quotidiani spagnoli parlano della sconfitta subita dal Barcellona contro il Paris Saint-Germain nella gara d’andata degli ottavi di Champions. 4-0 al Parco dei Principi, grazie ai gol di Di Maria (due), di Cavani e di Draxler la squadra di Unai Emery ha un piede e mezzo nel turno successivo. Mai, infatti, il Barça è riuscita a ribaltare un punteggio così netto nella partita di andata per riuscire a passare alla fase successiva, era dal 2013 che la formazione blaugrana non concedeva quattro reti - in quell’occasione era stato il Bayern Monaco in semifinale a imporsi in maniera così pesante. Come è potuto succedere, cosa accae alla formazione di Luis Enrique? All’indomani del fracaso, in Spagna e in Europa se lo chiedono un po’ tutti.

Male la difesa - Nell’ultimo turno in campionato il Barcellona si era imposto con un netto 6-0 all’Alaves, un risultato (e una prestazione) che avevano un po’ mascherato le carenze della squadra in questa stagione. "Emery conosceva i punti deboli della formazione spagnola" ha detto Verratti al termine della gara; l’allenatore dei francesi, infatti, è riuscito a sfruttare le debolezze difensive dell'avversario in una partita in cui Sergi Roberto (soprattutto, ma non solo) è andato in grande difficoltà; il giocatore classe 1992 - schierato in quella posizione anche per necessità visto il grave infortunio che ha messo ko Aleix Vidal nell’ultimo turno di campionato - ha dimostrato di non essere adatto a fare il terzino. Non ha spinto sulla fascia e non ha difeso, la serata no di tutto il gruppo non ha fatto altro che peggiorare la situazione e ha permesso a Draxler e a Di Maria di fare praticamente tutto quello che hanno voluto. 

I nuovi acquisti non rispondono - Non è andata molto meglio nemmeno ad André Gomes o a Samuel Umtiti (comunque il più vicino a segnare con il palo colpito nella ripresa). I due nuovi acquisti, su cui il Barça ha investito cifre importanti la scorsa estate, non stanno rendendo ai livelli aspettati e lo stesso vale anche per Paco Alcacer, Digne e Denis Suarez. Si dice che Luis Enrique non abbia abbastanza fiducia nei 'nuovi' e che questo abbia rallentato il processo di trasformazione della squadra che in Spagna - da mesi - vedono assolutamente necessario. Se l’assenza di Andres Iniesta sembrava la causa principale dei passi indietro dal punto di vista del gioco, nemmeno il ritorno del centrocampista catalano ha risolto i problemi della manovra blaugrana, che per oltre novanta minuti a Parigi è rimasta in balia del Paris Saint-Germain. Il Barça non è riuscito a rispondere agli attacchi dei giocatori di Emery e le statistiche di fine match parlano chiaro.

Centrocampo e attacco inesistenti -
Chiari sono anche i numeri che fotografano un centrocampo in grande difficoltà. Il reparto su cui la squadra campione di Spagna ha costruito i suoi successi negli ultimi anni, a Parigi ha fatto vedere un André Gomes (come detto) totalmente spaesato, un Busquets recuperato ma troppo lento e un Iniesta poco supportato e pertanto impossibilitato a trovare i varchi giusti per impostare qualche azione pericolosa. L’ingresso di Rafinha non ha cambiato le cose, quello di Rakitic avrebbe potuto ma è arrivato soltanto al 73’: il croato è stato il più propositivo e in Spagna ancora si chiedono per quale motivo non sia partito titolare. Centrocampo spento, attacco invisibile. Ci prova solo Neymar ma non riesce a fare la differenza nella notte in cui Messi non fa nulla e Suarez - marcato stretto da Kimpembe e Marquinhos - tocca appena 30 palloni. In pratica, di fronte a un PSG affamato e in pressing sin dai primi secondi, il Barcellona non è entrato in campo. le difficoltà fisiche di una squadra stanca (come già si era visto tanto in campionato e in Copa del Rey soprattutto con l’Atletico) hanno fatto il resto.

Iniesta: "Loro superiori in tutto" - Un match preparato male dall’allenatore che ha così messo in luce tutti i problemi di una squadra che non è riuscita a fare il suo gioco né tantomeno a reagire dopo i quattro schiaffi dei francesi. "C’è poco da dire, siamo stati sovrastati in tutto". Andrés Iniesta, sempre lucido e onesto nelle analisi delle gare, ha parlato chiaramente. E la Cope rivela che l’aria intorno a Luis Enrique non è delle migliori; le prime crepe si erano manifestate già in autunno, tanto che i senatori del gruppo avevano iniziato a dubitare dell’allenatore e della sua capacità di scegliere il meglio per la squadra: "I giocatori chiave sono delusi - riporta l’emittente spagnola - credono che il tecnico sia incapace di risollevare il gruppo e di trovare soluzioni tecniche adeguate". Malumori inevitabilmente esplosi e aumentati dopo il pesante ko di Parigi. Il ciclo dell’allenatore vincitore di otto trofei in meno di tre anni a Barcellona sembra finito e non a caso nelle ultime settimane le voci di rinnovo sul suo conto hanno lasciato spazio alle domande: perché il Barça gioca così male e non riesce a reagire? La notte di San Valentino ha infranto i cuori blaugrana e potrebbe aver segnato la definitiva chiusura del cerchio.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche