André Silva, stella del Porto: dall'hockey al gol

Champions League
Andre_silva_porto_getty

Il Porto lo ha prelevato quando aveva a 15 anni da una squadra di provincia: faceva il centrocampista e amava l'hockey su pista. Poi, la conversione: trasformato in attaccante puro, ha cominciato a segnare a raffica e a battere ogni record. Mercoledì, nella gara di Champions League, sarà uno di quelli che la Juventus dovrà tenere d'occhio

Real Madrid, Manchester United, Arsenal, Atletico. Insomma: mezza Europa. La lista delle pretendenti per André Silva, gioiellino del Porto, è già piuttosto lunga. La Juventus se lo troverà di fronte mercoledì, nell’andata degli ottavi di Champions League al Do Dragao, e ne apprezzerà certamente le doti. Due numeri, per capirci: a soli 21 anni, in questa stagione - la sua prima da titolare - l’attaccante portoghese ha già segnato 18 gol, 4 dei quali in Europa. Una promessa definitivamente sbocciata, che ora si candida a essere una delle star del futuro della sua nazionale. E, magari, a raccogliere il testimone di CR7.

⚪️🔵⚽️

Un post condiviso da André Silva (@andrevsilva10) in data:


Nove puro - A dire il vero, però, André Silva non è il tipico Ronaldo, anzi: è uomo da area di rigore. O meglio, lo è diventato. Perchè quando il Porto lo comprò per 1000 euro - giocava al Salgueiros, squadra semi-professionistica di provincia - era a tutti gli effetti centrocampista, tendenzialmente offensivo. Il suo soprannome? “Deco”, come l’ex Barcellona. Poi il cambio di ruolo e una rapida crescita, che lo hanno portato a essere il centravanti completo qual è oggi. Che sa trattare la palla come un trequartista, va detto. Il rapporto con la porta avversaria è di quelli speciali, tanto che diversi suoi allenatori lo hanno definito il “nuovo Pauleta”. E Pauleta stesso ha confermato: “È un numero 9 puro. Ha grande talento, una qualità enorme. Gli piace lavorare sodo e ha grande fame di gol”.

I record e… L'hockey - Centrocampista centrale nelle giovanili del Porto fino ai 16 anni, trasformato da lì in poi in una macchina da gol. “Tu farai l’attaccante”. E i risultati sono stati evidenti fin da subito, perchè in un paio di anni André Silva si è adattato a meraviglia al ruolo di prima punta. Soprattutto nelle nazionali giovanili ha segnato ha raffica: 28 in 37 partite tra U19, U20 e U21. Niente male. Con i grandi, poi, ha fatto anche meglio: 4 gol in 4 partite. Con una tripletta, segnata alle Isole Far Oer, che lo ha consegnato alla storia: è stato il più giovane giocatore portoghese a segnare tre gol in una sola partita con la nazionale maggiore. E pensare che, da ragazzo, ha rischiato di preferire al calcio l’hockey a rotelle. Per fortuna, poi, ci ha pensato il Porto a convertirlo.

Muito feliz por ajudar a equipa a cumprir os objetivos! 🙌🏼⚽⚽⚽🇵🇹

Un post condiviso da André Silva (@andrevsilva10) in data:


E ora… - Ora André Silva si candida a essere uno degli uomini più importanti del futuro del calcio portoghese. Soprattutto quell’attaccante puro che alla nazionale campione d’Europa manca ormai dai tempi di Pauleta e Nuno Gomes. Una risorsa importante, anche per lo stesso Porto: il classe 1995 ha una clausola rescissoria da 60 milioni di euro e il suo futuro sembra ormai già scritto. I grandi club europei si sono fatti sotto e Jorge Mendes, agente del ragazzo - nonché di CR7 & co. - fiuta l’ennesimo colpaccio.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche