Juve e Inter del Triplete a confronto

Champions League

Maurizio Compagnoni

Cambio di modulo, mentalità offensiva, sacrificio degli attaccanti, giocatori di personalità e allenatori con caratteristiche simili: ecco perché la Juventus di Allegri può ripetere l'impresa dell’Inter di Mourinho

La Juventus di Massimiliano Allegri come l’Inter del 2010, quella del triplete: un confronto che ci sta, perché le similitudini sono tante. Un paragone non legato ovviamente ai risultati – perché non so se la Juventus riuscirà a vincere la Champions League – ma al modo di giocare e ai suoi interpreti. Iniziando proprio da quel sistema di gioco che sia Mourinho che Allegri hanno cambiato a stagione in corso: simile anche la decisione di mettere in campo tutte le armi offensive presenti in rosa, chiedendo grande sacrificio agli attaccanti. All’epoca Mourinho ottenne risposte straordinarie, le stesse che sta iniziando ad avere anche Massimiliano Allegri.

Giocatori di personalità - In campionato la Juventus di Allegri viaggia più forte rispetto all’Inter di Mourinho che dovette attendere la metà del secondo tempo dell’ultima giornata di campionato per avere la certezza del titolo. Ma per potersi paragonare a quell’Inter avrà bisogno delle stesse prodezze fatte i nerazzurri in quell’edizione della Champions League, vincendo la finale dopo imprese importantissime come quelle ottenute contro Chelsea e Barcellona. Un paragone, quello tra la Juventus attuale e l’Inter del triplete, legato anche agli uomini chiave: da Samuel e Cambiasso passando per Lucio e Zanetti fino a Eto’o e Milito, in quella squadra c’erano tantissimi giocatori di personalità; caratteristica presente anche nella rosa attuale della Juventus con Buffon, Bonucci, Barzagli, Chiellini, Marchisio e anche Dybala nonostante la giovane età.

Sacrificio difensivo - Altro confronto, quello tra Milito e Higuain. Il Pipita nella sua carriera ha numeri più importanti rispetto a quelli dell’ex attaccante dell’Inter, ma non ha avuto ancora quella consacrazione che ha ottenuto Milito, trascinando con i suoi gol l’Inter alla vittoria finale della Champions. Sneijder-Dybala? Caratteristiche differenti, ruoli simili, anche se uno era più centrocampista l’altro più attaccante. Contro il Milan ho visto Dybala interrompere un’azione degli avversari a ridosso dell’area di rigore bianconera, questo è un segnale importante di sacrificio. E Mandzukic, che sul piano dei risultati può essere paragonabile a Eto’o, ha dato la stessa disponibilità che all’epoca diede l’attaccante camerunese a Mou.

I due allenatori - Infine, un paragone tra i due allenatori: e le similitudini, anche in questo caso, sono evidenti. Mourinho ha una personalità straripante, ma nemmeno Allegri scherza: tutti e due sanno gestire e motivare il gruppo, Allegri oggi è tra i top allenatori d’Europa, gruppo nel quale è presente anche Mourinho. Nell’Inter che conquistò il triplete fu fondamentale l’entusiasmo e questa Juventus per autostima non è seconda a nessuno. Non ha Pirlo e Pogba, però ha acquistato giocatori forti in questi anni. Per vincere la Champions servirà inoltre un pizzico di fortuna proprio come successe anche all’Inter di Mourinho: 'qualità' questa di cui avrà bisogno anche la formazione di Allegri.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche