Monaco, Mbappé come Henry: sfida la Juve 19 anni dopo

Champions League

Francesco Giambertone

henry_mbappe

La carriera di Mbappé somiglia sempre più a quella di Henry: anche Thierry, di cui Kylian per molti è l'erede, affrontò i bianconeri nella semifinale di Champions di 19 anni fa. Fece gol, ma in finale ci andò la Juve (che poi trovò il Real). Pochi mesi dopo Henry diventò bianconero, mentre su Mbappé è piombato lo United: offerti 85 milioni, il Monaco dice di no

È il 15 aprile del 1998. Canal + trasmette il ritorno della semifinale di Champions League tra Monaco e Juventus. Nell'appartamento a Bondy alle porte di Parigi, sul divano accanto a Fayza, 25 anni, siede suo marito Wilfried, tre anni più grande. Viene dal Camerun, adora il calcio – allena la squadra del paese - e vuole vedere la partita a tutti i costi, anche se i monegaschi partono spacciati: hanno perso 4-1 a Torino, al Louis II possono solo salvare la faccia. E lo fanno: vincono 3-2 contro la corazzata di Del Piero, Zidane e Inzaghi ma vengono eliminati. In finale ci va la Juve.

Il gol di Henry alla Juve: Mbappé non era nato

Il secondo gol del Monaco lo segna un 21enne che si chiama Thierry Henry. È veloce, elegante, pungente. A Wilfried, intenditore, piace molto. "Hai visto quel ragazzo?", chiede a fine partita a sua moglie Fayza, che nella vita gioca a pallamano e segue lo sport con passione. Ma lei non ascolta. È sovrappensiero. Questo mese ha avuto un ritardo. Non lo sa ancora, ma aspetta un bambino. Otto mesi dopo Fayza e suo marito Wilfried Mbappé diventeranno genitori di Kylian. Quello che oggi, quasi 20 anni dopo, tutti vedono come l'erede di Henry, il ragazzo che correva in tv contro la Juve e che nel frattempo è diventato leggenda.

Ci piace pensare che quella sera sia andata così. Di sicuro vinse il Monaco, ma in finale ci andò la Juve, che poi perse col Real Madrid. All'andata chiusero i giochi una tripletta di Del Piero e un gol di Zidane, che 19 anni dopo ha prenotato un altro posto in finale. Stasera Wilfried e Fayza guarderanno il loro ragazzo tentare di ripetere le gesta di “Titì”. Finora gli è riuscito alla perfezione, anzi meglio: 5 gol in Champions, 22 nelle ultime 20 partite, più giovane debuttante di sempre con la Nazionale francese. E le stesse movenze di uno dei più grandi attaccanti degli ultimi 20 anni.

Mbappé, lo spacca-record di Henry

Henry è stato un mito. Come lo è Buffon, che con Henry ci ha giocato e ha detto di rivederlo in Mbappè. Kylian a soli 18 anni ha già fregato tre record al suo idolo: negli ultimi 30 anni Henry era stato il più giovane a segnare almeno 13 gol in Ligue 1. Prima di Mbappé. Era stato il più giovane di sempre a esordire col Monaco, a 17 anni e 347 giorni. Prima di Mbappé. E il più giovane a segnare con quella maglia, sempre prima che arrivasse Mbappé. L'enfant prodige che ha scelto Henry come modello, per superarlo.

Tutti pazzi per Mbappé: lo United offre 85 milioni

Quando Mbappé venne al mondo col Monaco nel destino, Henry si trasferiva alla Juve per l'equivalente di 11,5 milioni di euro. Chiunque voglia portare via Mbappé dal Monaco dovrà sborsare molto di più. Il Manchester United ha offerto 85 milioni di euro: rifiutati. La richiesta è tra i 120 e i 140 come cifra record: un modo per tentare di tenere Mbappé un'altra stagione. Kylian invece sarebbe felice di giocare nel Real Madrid, che però non si è ancora esposto come lo United. La Juve cercherà di non farli incontrare. Almeno non sul campo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche