Juventus, il sogno Champions è finito. Da oggi si ricomincia

Champions League

Massimo Corcione

higuaincoppa_lapresse

A volte può bastare la spiegazione più elementare per motivare una sconfitta: la differenza tra Real Madrid e Juventus l’ha fatta un Pallone d’Oro

I due gol autografati da Cristiano Ronaldo hanno segnato partita e risultato finale. Tutto il resto è inutile orpello di una sfida segnata dopo venti minuti dalla prima firma d’autore, rianimata dalla prodezza di Mandzukic, poi affossata proprio dal fenomeno portoghese.

La Coppa resta a Madrid e anche questo è un evento straordinario, mai riuscito all'epoca della Champions League; CR7 lo confeziona e lo inserisce nel proprio palmarès personale, sempre più inimitabile. Capita e non puoi neppure fartene una colpa, se di fronte hai una squadra che di coppe ne ha vinte 12, tre negli ultimi quattro anni: chiamatela pure abitudine a vincere, quella consuetudine con il trionfo che in Italia non frequentiamo più da tempo. La differenza tra Real e Juventus è tutta qui, in questi dettagli sui quali intervenire è impossibile quando tutto è stato compiuto.

Il senso di resa è tutto nell'abbraccio che il presidente Agnelli ha voluto riservare a ogni singolo mancato eroe di una serata che resterà memorabile. Perché perdere contro questo Real non è un’infamia, ma solo un appuntamento rinviato con la gloria. Ancora rinviato, come era accaduto contro il Barcellona l’ultima volta. Ecco, è appunto la replica della delusione a pesare più di ogni cosa sulla Juventus, sui suoi giocatori che mai più avrebbero pensato di veder accostato il proprio nome a una sconfitta.

Il portavoce dell’umore juventino da sempre è Gigi Buffon, il capitano che non riesce ad arrendersi all'idea di non aver mai sollevato il simbolo del successo. Per sei anni, quasi un’era geologica, lui e i suoi compagni d’arme hanno infilato una serie di scudetti vinti in serie A che nella storia del calcio italiano non ha precedenti; una sequenza che pareva aver generato una forza supplementare, capace di esorcizzare perfino la grande paura. E’ stata solo un’illusione che il principe di Madeira ha crudelmente sfatato. Questo sogno è finito, da oggi si ricomincia.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche