Mbappé lancia la Juve: "È tra le candidate per la Champions"

Champions League
Kylian Mbappe, attaccante del PSG (getty)
mbappe_getty

Il talento del PSG teme i bianconeri: "Sono un gruppo solido, per batterli serve la partita perfetta. Buffon? È impressionante". Su Verratti: "Giocatore incredibile, le critiche non lo scalfiscono. Neymar? Voglio aiutarlo a vincere il Pallone d'Oro"

È stato uno dei più chiacchierati dell’estate e il secondo più pagato di sempre: ad appena 18 anni Kylian Mbappé ha già sulle spalle la responsabilità di portare in alto il Paris Saint-Germain. Dopo le ottime stagioni al Monaco, il talento francese è pronto a stupire: “Non mi sono fissato un obiettivo specifico. Ma se farò meglio della passata stagione, sarà già qualcosa di positivo. L’essenziale è vincere trofei con la squadra”, ha raccontato a La Gazzetta dello Sport. “È un onore giocare con Neymar: voglio aiutarlo a vincere il Pallone d’oro. Verratti? È un giocatore incredibile. Con il pallone fa cose formidabili. Le critiche non scalfiscono i grandi giocatori come lui”. Verratti è tra i giocatori più apprezzati del classe 1998, ma non è il solo: “Apprezzo anche Buffon. Ma pure Bonucci e Insigne. E Dybala, davvero forte. E poi Keita, cui ho lasciato il posto al Monaco”.

"Sono cresciuto con il Milan di Kakà e con l'Inter di Adriano"

E quando si parla di Juventus, Mbappé non può far altro che esaltare i bianconeri: “Giocarci contro è difficile, un vero blocco. Per segnare contro la Juve serve essere perfetti. Quel che è riuscito poi a fare il Real in finale. La Juve, secondo me, rimane tra le candidate alla Champions League. È strano perchè si perla sempre di Barcellona, Real Madrid, Bayern Monaco come principali favorite. E si parla poco della Juve che invece è sempre presente, due volte finalista negli ultimi tre anni”. Solo un gol a Buffon l’anno scorso: “E' impressionante. Per me che sono agli inizi, giocare contro giocatori del suo livello è come realizzare un sogno”. Il talento francese ammette di seguire da tempo il calcio italiano: ”Sono cresciuto seguendo pure il Milan di Kakà e Shevchenko. L’Inter di Adriano. Per chi ama questo sport come me, il vostro calcio è mitico. Certo, ha attraversato un periodo di crisi, ma non muore mai. E sta rinascendo anche con i progetti ambiziosi come quelli di Milan e Inter".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport