Manchester City-Napoli, Sarri: "25' scadenti, poi un'ora alla pari col City. Nulla di grave per Insigne"

Champions League

L'allenatore ha analizzato la sconfitta maturata all'Etihad: "Nella prima mezz’ora abbiamo sbagliato sia il pressing che le distanze tra reparti e abbiamo concesso spazi ad una squadra devastante. Nel secondo tempo ci siamo ripresi"

Un risveglio tardivo, che costa la partita. Il Napoli si sveglia troppo tardi e il Manchester City ha la meglio, battendo gli azzurri per 2-1. Maurizio Sarri ha analizzato così la gara: “Nella prima mezz’ora abbiamo sbagliato sia il pressing che le distanze tra reparti e abbiamo concesso spazi ad una squadra devastante. Siamo stati scadenti, ma ci siamo ripresi. Siamo andati in difficoltà ma abbiamo anche saputo reagire. Per un’ora abbiamo giocato alla pari e con avversari di questo tipo è tanta roba. Il rigore sbagliato ci pesa ma ci ha dato la scossa”. Quindi l’allenatore è sceso più nel dettaglio nell’analisi: “E’ difficile da affrontare una squadra del genere se concediamo spazi. Hanno talento e accelerazioni. La nostra pressione non era accompagnata e loro sono bravi nel palleggio, hanno un’ottima tecnica per uscire da queste situazioni di gioco. Invece nella ripresa è stata una pressione collettiva e siamo stati più corti”.

Nulla di grave per Insigne

Oltre alla sconfitta, un altro motivo di preoccupazione per il Napoli è rappresentato da Lorenzo Insigne, che ha dovuto lasciare il campo anzitempo per un fastidio muscolare. Tuttavia, Sarri ha rassicurato tutti: “Aveva un dolore all’adduttore che gli stava aumentando progressivamente durante la partita. Quando ha cominciato a sentire un dolore maggiore ha chiesto di essere sostituito. Non credo si tratti di qualcosa di grave”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche