Real-Juve, Busacca: "L'arbitro è come un portiere. A volte bisogna decidere senza vedere"

Champions League
busacca

Il responsabile degli arbitri della Fifa si è soffermato sulla direzione di gara di Michael Oliver durante Real Madrid-Juventus, difendendo le scelte del fischietto inglese: "A volte bisogna decidere anche senza vedere"

BUFFON A SKY: "NON RINNEGO LO SFOGO, AVEVA UNA LOGICA"

CHI E' L'ARBITRO OLIVER, L'ARBITRO DI REAL-JUVE

Le polemiche post Real Madrid-Juventus cominciano a scemare, così come la delusione della Juventus che ha ritrovato il sorriso battendo la Samp allo Stadium e allungando in testa alla classifica. Sulla direzione di Michael Oliver è tornato a parlare invece Massimo Busacca, responsabile degli arbitri della FIFA. L’ex fischietto svizzero ha espresso il proprio punto di vista sulla vicenda, assolvendo il direttore di gara inglese: "L'arbitro è come un portiere, che è chiamato a decidere in una frazione di secondo e non può permettersi di pensare a tante cose. Io nella mia carriera ho sempre dovuto decidere in una frazione di secondo, non avevo tempo di pensare a dov'ero e a quanto successo prima. E' come per i portieri: devi parare con l'istinto senza pensarci. Dobbiamo essere concentrati sulla decisione del momento, che è già difficile da prendere. Chiaro che, se avessimo a disposizione dieci minuti, potremmo anche pensare ad altre cose, ma neanche un dottore decide in meno di un secondo. A volte dobbiamo decidere anche senza vedere".

Verso i Mondiali

Archiviato l’argomento Oliver, Busacca si è poi concentrato sui Mondiali di Russia 2018, soffermandosi sulla preparazione degli arbitri in vista di questo atteso evento: "Cosa prova un arbitro in una partita dei Mondiali? E' un momento particolare. Ricordo quando ho arbitrato al Mondiale e il momento dell'entrata in campo è un momento indescrivibile. Anche noi viviamo grandi emozioni come i giocatori, c'è tanta attenzione, perchè l'arbitro ha tanta responsabilità e deve fare bene. A cosa servono questi raduni? Siamo come una squadra di calcio e vogliamo allenarci come una squadra" le parole di Busacca. “Insegniamo come muoversi agli arbitri, ci vuole grande intelligenza calcistica e quando è possibile bisogna anticipare. Ci sono arbitri simili ai 'numeri 10' e non hanno bisogno di tante spiegazioni, altri che hanno bisogno di ore in più. Per questo facciamo questi raduni, per cercare di capire le dinamiche del gioco e interpretare le regole. Il confronto tra noi è importantissimo. Anche perché, in campo ci vanno loro. Se l'arbitro capisce che in quel momento deve fare in un altro modo deve farlo. C'è una spiegazione e una dinamica, ma poi si deve capire la partita".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche