PSG-Napoli, le chiavi tattiche della sfida

Champions League

Flavio Fusi

Il Napoli dovrà replicare il capolavoro del San Paolo contro il Liverpool per mantenere la testa del girone, ma il PSG di Tuchel ha tante frecce nel suo arco

PSG-NAPOLI LIVE

DIRETTA GOL

CHAMPIONS, CALENDARIO E ORARI DELLE PARTITE DI OGGI

FOTO. PSG, IL RITORNO A PARIGI DI ANCELOTTI

Il Napoli guida il gruppo C dopo le prime due giornate, pur avendo segnato una sola rete, e persino le critiche per il pareggio contro la Stella Rossa, visto come un imperdonabile passo falso in un girone con PSG e Liverpool, si sono trasformate in lodi dopo la prima gara casalinga al San Paolo. Gli azzurri, pur vincendo di misura, hanno inflitto una pesante sconfitta alla squadra di Klopp, che non è quasi mai riuscita ad impensierire la difesa azzurra, tirando solo quattro volte e mai in porta, mentre Insigne e compagni accumulavano un’occasione dopo l’altra.

Il Napoli alla ricerca del primo posto

La squadra di Ancelotti ha dato seguito alla vittoria sul Liverpool con altri due successi in campionato (nuovamente senza subire gol, dato da non trascurare dopo il tormentato inizio di stagione dal punto di vista difensivo). E per il terzo turno che chiuderà la prima metà del girone, Ancelotti si troverà davanti a una squadra del proprio passato, e cioè il Paris Saint-Germain (sulla cui panchina si è seduto dal 2011 al 2013), ora allenato da Tuchel.

L’ennesimo avvicendamento in panchina non ha cambiato di una virgola il dominio della squadra parigina in Ligue 1, dove il PSG ha 8 punti di vantaggio sul Lille secondo ed ha vinto dieci partite su dieci segnando 37 reti. Certo, in Champions League è difficile replicare un tale dominio sugli avversari - ad esempio, contro il Liverpool, è parso poco brillante e sicuramente inferiore, dal punto di vista del gioco - ma contro la Stella Rossa è arrivato almeno un perentorio 6-1 che ha almeno compensato la sconfitta all’esordio e sottolineato la potenza di fuoco dei francesi.

Anche se alla vittoria contro i serbi hanno fatto seguito il 5-0 al Lione e il 5-0 all’Amiens, quindi, storicamente il banco di prova per il PSG rimane la Champions League. Il Napoli, dal canto suo, ha tutta l’intenzione di ripetere una gara sulla scia di quella contro il Liverpool, dato che una vittoria gli permetterebbe di mantenere la testa del girone, esattamente come chiesto alla squadra da Hamsik.

Ancelotti ha però sottolineato come Liverpool e PSG abbiano caratteristiche diverse e sia necessario proporre alcuni adattamenti rispetto al trionfo del San Paolo. Non è dunque detto che vedremo nuovamente un Napoli con il 4-4-2 in fase difensiva e il 3-4-2-1 in fase offensiva, ma il fatto che Maksimovic sia favorito su Hysaj per il ruolo di terzino destro rende possibile questa soluzione. Zielinski sembra in vantaggio su Ruiz per giocare largo, mentre Insigne non è invece al 100% e resta in dubbio.

Nella gara del San Paolo contro il Liverpool, il Napoli si difendeva con il 4-4-2 abituale, ma in fase offensiva si riorganizzava con un 3-4-2-1

Le possibilità di Tuchel

Tuchel può invece contare sui recuperi di Di Maria e Verratti, ma perde Thiago Silva: probabilmente, quindi, sarà Marquinhos ad affiancare Kimpembe nel cuore della difesa. In attacco, invece, troveremo ovviamente il tridente formato da Mbappé, Neymar e Cavani, che ritroverà così la sua ex-squadra. Da verificare il ruolo del “Fideo” che potrebbe sia giocare sulla trequarti che fare la mezzala. In quest’ultimo caso, sembra probabile che Tuchel abbassi uno dei suoi due centrocampisti in fase di uscita (con il Liverpool era Marquinhos, schierato mediano, a svolgere questo compito), per avere immediatamente superiorità numerica contro i due attaccanti del Napoli. In questo modo, la salida lavolpiana riconfigurerebbe il PSG con una sorta di 3-4-3.

Se invece il PSG mantenesse il 4-3-3 o il 4-2-3-1, gli azzurri dovranno fare particolare attenzione nella difesa degli spazi di mezzo. Anche con il 4-3-3, una mezzala si mantiene spesso più bassa dell’altra e quasi in linea con il mediano per assicurare il possesso, ma anche per attirare fuori posizione i centrocampisti avversari e creare spazio alle spalle della mediana, dove Neymar e Mbappé convergono per ricevere palla e puntare la difesa.

Questa modalità “diagonale” di superare le linee di pressione può essere molto efficace e il Napoli dovrà fare particolare attenzione, perché difendendo con il 4-4-2, rischia di poter essere esposto sia nello spazio tra difesa e centrocampo, che nei cambi di gioco: i centrocampisti di Tuchel, infatti, cambiano spesso lato per isolare gli propri esterni offensivi in situazioni di uno contro uno. La compattezza, quindi, dovrà essere massima e gli scivolamenti laterali rapidi e precisi, al fine di limitare l’attacco dei parigini.

Ma il Napoli può anche trarre a proprio vantaggio alcune situazioni. In campionato il PSG viene difficilmente pressato dai propri avversari, che invece preferiscono rintanarsi nella propria metà-campo per chiudere tutti gli spazi. Questa mancata abitudine a costruire il gioco sotto-pressione può complicare l’inizio azione della squadra di Tuchel, non tanto dal punto di vista tecnico, ma più da quello delle trame di gioco.

Con il Liverpool il possesso palla basso dei francesi è stato sempre pulito ma infruttuoso e se il Napoli riuscisse a mettere in campo l’intensità vista al San Paolo contro i “Reds”, ci sono ottime possibilità di limitare nuovamente la pericolosità dei francesi. I tre giocatori che di solito cominciano l’azione - difficile che Tuchel ne abbassi addirittura quattro, visto che il Napoli schiera due attaccanti - a volte sono troppo stretti e quindi più facili da pressare.

Da verificare invece le contromosse di Ancelotti di fronte al pressing avversario, che avviene quasi sempre in un 4-3-3, in cui l’attaccante centrale pressa il portatore di palla e i due esterni offensivi bloccano le linee di passaggio verso i compagni. Molto dipenderà dallo schieramento offensivo scelto, ma il ruolo dei terzini potrebbe essere determinante: Mario Rui fu una delle chiavi della vittoria con il Liverpool, così come Alexander-Arnold è stato il giocatore più difficile da gestire per il PSG nella gara inaugurale contro il Liverpool.

In ogni caso, con due allenatori di questo livello, particolarmente abili nell’adattarsi all’avversario, la gara del Parco dei Principi sarà sicuramente ricca di spunti tattici. Gli sviluppi possono essere molteplici, anche perché entrambe le squadre possono cambiare pelle da una fase di gioco all’altra. In uno scenario relativamente incerto, le contromosse saranno più importanti delle mosse iniziali.

Se è vero che il PSG può contare su un maggiore talento complessivo, è anche vero che il Napoli dalla sua ha un allenatore che ha costruito la sua fama proprio grazie alle sue grandi doti di lettura della gara. Come si dice, che vinca il migliore.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche