Ronaldo il Fenomeno: "Quando suona l’inno della Champions, i giocatori se la fanno addosso"

Champions League

Il Fenomeno brasiliano, oggi 42enne e presidente del Valladolid, racconta che la famosa "musichetta" della Champions in realtà mette paura ai giocatori. "Poi però prendono il pallone e si rilassano". Stoccatina anche al Brasile; elogi per Cristiano Ronaldo

CECCARINI: "IULIANO-RONALDO? NON ERA RIGORE NEMMENO COL VAR

Un inno che mette i brividi a qualsiasi tifoso; figuriamoci a chi gioca. Squadre allineate prima del fischio d'inizio, parte l'inno della Champions, e non c'è giocatore che non lo ascolti in religioso silenzio, godendosi ogni attimo, ogni nota di quella musichetta aulica. Volti molto spesso tesi, e adesso abbiamo anche la conferma di un campione a qualche nostro sospetto. Perché in alcuni casi i brividi che provano i giocatori possono anche essere di paura.

"Quando suona l'inno della Champions i giocatori se la fanno tutti addosso. Poi però prendono il pallone e si rilassano", ha raccontato senza mezze misure il 'Fenomeno' Ronaldo, che a quel palcoscenico era abituato, negli anni del Real Madrid, ma che vivrà per sempre con il rammarico di non essere mai riuscito a stringere quella coppa per le orecchie. Era un altro Real, forse anche un altro calcio, come conferma in un'intervista a 'Efe': "Il calcio è cambiato, speriamo che i giocatori cerchino sempre di fare del loro meglio e di essere il più onesti possibile dentro e fuori dal campo", ha detto, con riferimento in particolare ai simulatori.
Anche il suo Brasile è cambiato, e un pizzico di nostalgia trapela dalle sue parole quando dice che "Dal 2002 ad oggi non abbiamo più vinto niente e non sentiamo buone sensazioni. Abbiamo più problemi del Messico ad esempio e parecchi dubbi quando pensiamo alla nostra squadra".

Oggi, 42enne e nei panni del presidente (del Valladolid), Ronaldo ha posato accanto a quella Champions che gli manca in bacheca e di cui sarà ambasciatore, scherzando anche sul fatto che il suo club è ben lontano da questo obiettivo e non ha abbastanza denaro da investire sul mercato. Non poteva mancare, ovviamente, una battuta sul suo quasi omonimo Cristiano Ronaldo, che invece quella coppa la conosce bene: "Merita tutto ciò che ha vinto, è un giocatore incredibile". Parola di Fenomeno.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport