Atletico Juve, operazione rimonta per Allegri: ecco cosa dicono i precedenti

Champions League

Sconfitti al Wanda Metropolitano nell'andata degli ottavi, i bianconeri dovranno ribaltare il risultato a Torino il 12 marzo così come la tradizione in Europa. L'Atletico Madrid si è qualificato 4 volte su 5 nella fase ad eliminazione diretta dopo il 2-0 ottenuto all'andata, risultato costato carissimo allo Juve dopo il primo round: 5 eliminazioni in altrettante sfide tutte in Coppa dei Campioni/Champions League. E quando il Cholo inaugura il doppio confronto con una vittoria, i Colchoneros non sbagliano mai

JUVE-ATLETICO LIVE

Aveva chiesto un gol al Wanda Metropolitano, abbandonato con un secco 2-0 per gli avversari che complica enormemente l’avventura in Europa. Nulla fare per la Juventus nell’andata degli ottavi di finale di Champions League, sconfitta dallo spietato Atletico Madrid di Simeone: se il Cholo si conferma invincibile per le italiane dopo 7 precedenti, Allegri incassa un pesante ko che mette a serio rischio la presenza nello stesso stadio dove si terrà la finalissima del 1 giugno. Bianconeri feriti da Gimenez e Godin su palla inattiva ma non fuori dai giochi, parola di Max: "Il risultato si può ribaltare al ritorno, non piangiamoci addosso. Sapevamo che l’Atletico era una squadra difficile da affrontare e il secondo tempo lo abbiamo sbagliato". Insuperabile in Serie A dove vanta un margine di 13 punti sul Napoli di Ancelotti, la Juve pretende pure una riscossa in Europa a partire dal fenomenale Cristiano Ronaldo: 21 i gol stagionali dell’uomo dei record, rimasto tuttavia a secco nel nuovo impianto dei Colchoneros proprio come accaduto nell’unico precedente con la maglia del Real. La ribalta è tutta per Simeone, privo al ritorno degli squalificati Diego Costa e Thomas (come Alex Sandro in casa bianconera) e protagonista di un’esultanza eccessiva: "Non mi ha dato fastidio - ha confidato Allegri -, qui succedono spesso queste cose. L’importante è stato non aver preso il 3-0: noi non siamo morti e ci vorrà una grande partita". A voltare le spalle ai bianconeri sono piuttosto i precedenti e il bilancio immacolato dell’Atletico targato Simeone: quando i madrileni hanno inaugurato con un successo il doppio confronto nelle fasi ad eliminazioni diretta, 25 volte in altrettante occasioni tra tutte le competizioni i Colchoneros non sono mai stati eliminati. Obbligatorio quindi sfatare la tradizione degli avversari e pure gli incroci del passato nelle notti d’Europa.

I precedenti di Juve e Atletico dopo il 2-0 all'andata

Servirà una rimonta mai vista per Allegri, lo dicono i precedenti in Europa di Atletico Madrid e Juventus dopo un 2-0 maturato all’andata. Considerando gli incontri nella fase ad eliminazione diretta, infatti, 4 volte su 5 i Colchoneros hanno completato la qualificazione difendendo questo risultato nella storia. È accaduto nel 1971 in Coppa dei Campioni (fuori l’Austria Vienna regolata pure 2-1 in trasferta) e in tre occasioni in Coppa Uefa/Europa League: a farne le spese furono il Werder Brema nel 1987, i serbi dell’Obilic nel 1999 e per ultimo il Vitória Guimarães, estromesso nel playoff dell’edizione 2011/12 poi vinta con i gol di Falcao e Simeone in panchina. L’unica macchia dei madrileni dopo il doppio vantaggio nel primo atto? Dobbiamo risalire alla Coppa delle Fiere 1967/68 quando, dopo aver regolato 2-0 al Vicente Calderón il Göztepe, gli spagnoli crollarono 3-0 in Turchia in un ritorno decisamente movimentato: 19 minuti di recupero e fischio finale dopo il terzo gol, risse e incidenti che portarono addirittura all’arresto di alcuni giocatori dell’Atletico. Insomma, uno scenario difficilmente pronosticabile a Torino dove invece i bianconeri sono chiamati ad una rimonta dalla portata storica. Già, perché 5 volte su 5 la Juventus non è riuscita a ribaltare il 2-0 incassato all’andata nella fase ad eliminazione diretta: curiosamente tutti i precedenti sono circoscritti alla Coppa dei Campioni/Champions League, incroci pertanto ancora più suggestivi. Dobbiamo scomodare la Juve di Heriberto Herrera, sconfitta due volte dal Benfica nella semifinale del 1968 considerando anche l’1-0 subìto a Torino. Negli anni Settanta la circostanza si è ripetuta in due occasioni in Germania: ko esterno a Dresda e inutile 3-2 nel ritorno nel 1973, identico copione contro il Borussia Mönchengladbach due anni più tardi negli ottavi (2-2 nel 2° round). Trent’anni dopo, Champions targata 2005/06, gli uomini di Capello si arresero ai quarti all’Arsenal: fatale il 2-0 londinese prima dello 0-0 allo Stadio delle Alpi. E sempre ai quarti i bianconeri di Conte caddero contro il Bayern Monaco futuro campione: doppio svantaggio all’Allianz Arena, 2-0 bissato allo Stadium dai tedeschi di Heynckes. Ecco perché la strada è davvero in salita per Allegri, missione difficile ma non impossibile.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche