Liverpool, Crouch vuole dare al figlio il nome di Origi. La moglie glielo impedisce

Champions League

L'attaccante inglese è un accanito tifoso del Liverpool, club per cui ha giocato dal 2005 al 2008: diventato padre per la quarta volta, si è reso protagonista di una spassosa uscita con un doppio tweet. Voleva dare al figlioletto il nome di Origi, ma la moglie si è opposta

Una cosa è certa, il padre non è Origi. Il fatto che Peter Crouch volesse dare al figlioletto neonato il nome del bomber dei Reds (3 gol tra semifinale e finale di Champions) è dunque un omaggio al belga per puri meriti sportivi. L'annuncio della nascita di Divock Samrat Crouch è arrivata con un tweet dell'ex attaccante inglese, che però ha prontamente comunicato il veto impostogli dalla moglie, Abbey Clancy. Non è la prima volta che Crouch si distingue per simpatia. Memorabile la sua risposta alla domanda "cosa saresti se non fossi diventato un calciatore?": "Vergine". Con i due tweet ravvicinati con cui ha comunicato la nascita del quarto figlio, Crouch non ha perso l'occasione per tornare sullo storico traguardo raggiunto dai Reds, per la sesta volta sul tetto d'Europa dopo aver battuto in finale a Madrid il Tottenham. Divock Origi, autore del gol del definitivo 2-0, si era già messo in luce con una doppietta nell'epica semifinale di ritorno contro il Barcellona, vinta ad Anfield 4-0 dopo aver perso all'andata 3-0 al Camp Nou. L'entusiasmo del papà, però, è stato frenato dalla mamma. Il piccolo Crouch forse non avrà un nome da Champions, ma ci piace pensare che un giorno la giocherà anche lui.

Hai già aggiunto Sky Sport ai tuoi contatti Whatsapp?

I più letti