PSG, appello respinto: confermate le 3 giornate di squalifica a Neymar

Champions League

L’UEFA ha respinto l’appello proposto dalla società francese per ridurre la squalifica del brasiliano. Neymar aveva attaccato la squadra arbitrale dopo l’eliminazione dalla Champions League per mano del Manchester United, che ha passato il turno grazie ad un rigore concesso col VAR

DAL BRASILE: NEYMAR VICINO AL RITORNO AL BARCELLONA

PSG, NEYMAR NON SI SVENDE. E MBAPPÈ È INCEDIBILE

L'appello presentato dal Paris Saint-Germain all'UEFA è stato respinto: la squalifica di tre giornate da scontare in Champions League è stata confermata per Neymar, che dunque salterà la metà della fase a gironi. La sanzione è stata comminata in seguito ad un post su Instagram del brasiliano dove attaccava duramente la squadra arbitrale che ha diretto la gara di ritorno degli ottavi di finale della passata edizione tra PSG e Manchester United dello scorso 6 marzo, in cui gli inglesi hanno vinto 1-3 nel finale grazie ad un calcio di rigore assegnato con l'ausilio del VAR per un tocco di mano di Kimpembé sul tiro di Dalot. "È una disgrazia. Quattro persone che non sanno niente di calcio guardano un replay al rallentatore davanti al televisore. Cosa doveva fare con la mano mentre era girato di spalle?" aveva scritto l'attaccante dei parigini. Peraltro, ad assegnare il calcio di rigore era stato l'arbitro sloveno Damir Skomina, che ha poi diretto la finale tra Liverpool e Tottenham.

I più letti