Juventus, Paratici e Nedved chiudono il caso Ronaldo: "La sua una rabbia positiva"

Champions League

Il ds Paratici: "Segnale positivo se un giocatore come Ronaldo si arrabbia per una sostituzione". Nedved: "Nessun caso, tutti abbiamo capito Cristiano. Dybala? È completamente cambiato"

 

JUVE-ATLETICO LIVE

Episodio chiuso, senza nessun chiarimento ulteriore. Il direttore sportivo della Juventus Fabio Paratici mette definitivamente la parola fine su quanto accaduto tra Cristiano Ronaldo e Sarri al momento della sostituzione decisa dall’allenatore bianconero durante il match tra Juve e Milan, cambio non proprio gradito al portoghese. "No, per noi è un episodio passato. Il fatto che un giocatore si arrabbi per una sostituzione è anche un segnale positivo, perché vuol dire che Ronaldo, dopo tutti i titoli che ha vinto, individuali e di squadra, ha ancora questa voglia di fare e di vincere, e questa è una cosa positiva, quindi siamo tutti molto tranquilli e sereni e andiamo avanti", ha ammesso Paratici ai microfoni di Sky Sport prima della gara di Champions tra Juventus e Atletico Madrid.

 

Sarri ha detto: "Prima mi davano del talebano e adesso che adatto il gioco ai giocatori, mi criticano ugualmente". Dove sta la verità?

"Sono pienamente d’accordo con Sarri sul fatto che ci vorrebbe un pochino più di coerenza, sia con gli allenatori che con i club. I club quando hanno troppi calciatori, ne hanno troppi, e quando hai 11 titolari e basta, servono più calciatori. Bisognerebbe avere un po’ più di equilibrio tutti, anche con gli allenatori, perché fanno un lavoro difficilissimo e quindi sono d’accordo con Sarri sul fatto che lui ha un’idea di gioco, ma nello stesso tempo non può forzare la mano su certe cose perché si deve adattare a una certa tipologia di calciatori. Lo sta facendo benissimo, la Juve sta giocando alcune partite molto bene, alcune meno bene, ci sono anche gli avversari. Non dimentichiamo che abbiamo giocato contro un’Atalanta che ha messo in difficoltà tutti, è una squadra molto importante, è una realtà, quindi abbiamo portato a casa una vittoria pesantissima e va bene così".

 

Nedved: "Ronaldo? Capito da tutti. Dybala è completamente cambiato"

Oltre al ds Paratici, anche il vicepresidente della Juventus Pavel Nedved ha parlato ai microfoni di Sky Sport della vicenda relativa all’arrabbiatura di Cristiano Ronaldo post sostituzione contro il Milan. “Se è stato necessario un lavoro diplomatico? No, riesco a capire un giocatore quando esce e viene sostituito dall’allenatore, quanto possa essere arrabbiato e quanto poi ci tiene lui a fare bene perciò lo capisco, lo abbiamo capito tutti, perciò non abbiamo fatto nessun caso. E’ tornato dalla Nazionale, dove ha fatto 4 gol, perciò aspettiamo che questa sera segni anche con noi.

 

Se dovessimo dare un oscar al giocatore della Juventus che in questa stagione è cresciuto di più, anche come peso nella squadra, lo daremmo a Dybala. E’ d’accordo?

"No, io lo darei a Pjanic, anche se Dybala sta facendo cose grandi e la differenza tra l’anno scorso e quest’anno si vede tantissimo, su Pjanic magari questo si vede di meno però lui è cresciuto da tutti i punti di vista, come calciatore, come esperienza e come tutto, perciò lo darei a Pjanic, per scegliere uno".

 

Bisogna dire però che Dybala, anche in virtù del fatto che la scorsa estate era nella lista dei giocatori in uscita, ha fatto una scalata notevole

"Sono assolutamente d’accordo. Sappiamo che Dybala è un grande giocatore, magari l’anno scorso non ha fatto tutto ed è stato al di sotto delle aspettative che uno come lui può dare, quest’anno è cambiato completamente, sta facendo una stagione fantastica, c’è stato soprattutto un cambio mentale suo, sta facendo grandi cose, è decisivo e sono molto contento di come sta andando perché può ancora migliorare".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.