Manchester United, Rashford entra e fa tripletta in 18': record come Solskjaer

Champions League

L'attaccante del Manchester United parte dalla panchina contro il Lipsia e nell'ultima mezz'ora di gioco segna tre gol. E' il quinto nella storia della Champions a riuscirci; nella storia del club, invece, prima di lui ci era riuscito solo Solskjaer... il suo allenatore

TUTTI GLI HIGHLIGHTS DELLA CHAMPIONS - CORONAVIRUS, DATI E NOTIZIE IN TEMPO REALE

Protagonista fuori dal campo, con le “battaglie” che sta combattendo con il suo impegno nel sociale e quello in favore dei più poveri; ma protagonista anche in campo, non appena ci mette piede. Marcus Rashford vive il suo momento d’oro, segna una tripletta al Lipsia nel 5-0 che proietta il Manchester United in testa alla classifica del suo girone di Champions (6 punti in due partite) e si porta a casa il pallone e i complimenti del suo allenatore, Solskjaer, con cui ora condivide un primato.
 

Nell’undici iniziale, infatti, Rashford non c’era (condizione che in carriera Solskjaer, straordinario “dodicesimo uomo”, ha conosciuto più volte); eppure a fine gara, nel tabellino, compare per ben tre volte. In campo dal 63’ al posto di Greenwood, fa tripletta giocando mezz’ora, con le sue tre zampate racchiuse in appena 18’.

 

E se Rashford entra così nella storia della Champions, diventando il quinto di sempre a segnare una tripletta da subentrato (dopo Rosler nel 1998, Pandiani nel 2001, Llorente nel 2008 e Mbappé nel 2019; nessuno, però, in così pochi minuti), fa ancora più impressione pensare che, nella storia dello United, sia solo il secondo a riuscirci. Prima di lui? Ovviamente il suo maestro, Solskjaer, nel 1999, contro il Nottingham Forest.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche