Varianti Covid e restrizioni in Germania, Lipsia-Liverpool di Champions in bilico: ipotesi

champions

Il divieto di ingresso in Germania, causa Covid, a chi proviene dall'Inghilterra (e non solo) fino al 17 febbraio è esteso anche ad atleti professionisti, quindi Lipsia-Liverpool non si giocherà alla Red Bull Arena. Con le nuove regole dell'Uefa potrebbero essere invertite andata e ritorno, giocando la prima ad Anfield, ma ci sono anche altre ipotesi

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

La pandemia di coronavirus torna a complicare i piani per la Champions. L'andata degli ottavi tra Lipsia e Liverpool, in programma il 16 febbraio, non si giocherà infatti alla Red Bull Arena. Sabato scorso è entrato in vigore il divieto di ingresso in Germania (valido fino al 17 febbraio) a persone provenienti da Paesi colpiti dalle nuove varianti del Covid-19, fatta eccezione per cittadini e residenti tedeschi, e il Governo ha confermato che non ci saranno eccezioni per i ragazzi di Klopp, rispondendo a una richiesta effettuata dal Lipsia. "L'ordinanza approvata venerdì scorso tedesco prevede solo poche eccezioni e nessun regolamento speciale per gli atleti professionisti", si legge in una dichiarazione di un portavoce del governo. La UEFA - come riportato da Sky Sports - sta discutendo con la Federazione calcistica tedesca e con il governo per trovare una soluzione.

Le ipotesi al momento

L'organizzazione ha recentemente cambiato le sue regole, consentendo l'inversione dei campi tra andata e ritorno, quindi i primi 90 minuti potrebbero giocarsi ad Anfield. Ma ci sono altre due possibilità: che la sfida d'andata sia disputata su campo neutro o che venga cancellata, mettendo in palio la qualificazione in una gara secca.

Europa League, Arsenal-Benfica in gara secca?

approfondimento

A febbraio su Sky Sport: gli eventi da non perdere

Lipsia-Liverpool non è l'unica partita internazionale che rischia di subire delle modifiche. A causa delle nuove rigide regole sugli arrivi in territorio britannico dal Portogallo, infatti, l'Uefa potrebbe anche far disputare Arsenal-Benfica, valevole per i sedicesimi di Europa League, in un match secco su campo neutro.

Marca: "L'Atletico Madrid pensa ad altre opzioni in caso di restrizioni"

La situazione di Lipsia-Liverpool è un campanello d'allarme, secondo quanto riporta Marca, per l'Atletico Madrid. I Colchoneros stanno iniziando a lavorare su altre opzioni - come giocare in un campo diverso dal Wanda Metropolitano - nel caso in cui ci fossero restrizioni per la partita in programma contro il Chelsea il 23 febbraio. Il club spagnolo osserverà con attenzione l'evolversi degli eventi nei primi match in programma tra Champions ed Europa League.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche