Inter, Spalletti: "Che fatica! Avrebbe meritato il Pordenone"

Coppa Italia
spalletti_colucci_getty

Il Pordenone sfiora l'impresa a San Siro: costringe l'Inter ai rigori e si arrende solo a oltranza. I "ramarri" escono a testa alta e incassano anche i complimenti di Luciano Spalletti, che nel post-partita sottolinea l'opaca prestazione della sua squadra: "Siamo stati al di sotto del nostro livello, ognuno voleva risolverla da solo". Colucci: "Non usciamo sconfitti"

INTER-PORDENONE 5-4 D.T.S.: GOL E HIGHLIGHTS

Pericolo scampato, l'Inter soffre più del dovuto ma alla fine elimina il Pordenone. Sono serviti 120' e 14 rigori (decisivo quello di Nagatomo), decisamente troppo per Luciano Spalletti. L'allenatore nerazzurro ha commentato la prestazione dei suoi nel post-partita: "Seconde linee non all'altezza? Domanda corretta per quello che si è visto, ma non è così. Chi ha giocato di meno stasera si è trovato in difficoltà perché il Pordenone ha giocato con qualità in mezzo al campo e non siamo riusciti a prendere il pallino del gioco, si tentava di risolvere la partita da soli invece di fare ordine e far girare la palla. Poi le partite si complicano dal punto di vista psicologico e tutto diventa più difficile, so cosa succede in queste partite quando c'è questa differenza tra le due squadre". Probabilmente i nerazzurri hanno sottovalutato l'impegno: "Vuol dire che non ho fatto correttamente il mio lavoro, dovevamo vincere la partita giocandola e invece siamo stati al di sotto del nostro livello. L'allerta non è arrivata come volevo che arrivasse. I rigori? Eder aveva un problemino a livello muscolare, Cancelo ha preferito non battere il rigore perché è subentrato il fattore psicologico e caratteriale, che fa la differenza. E' stato un passaggio del turno faticosissimo, alla fine forse il Pordenone avrebbe meritato ma faccio i complimenti ai miei giocatori perché i rigori in queste situazioni diventano più pesanti e li meritano anche loro".

Colucci: "Non usciamo vinti, non potevo chiedere di più a questi ragazzi"

Deluso per l'esito finale, ma estremamente orgoglioso. Anche l'allenatore del Pordenone, Leonardo Colucci, è intervenuto nel post-partita: "I ragazzi sono stati bravi, non usciamo vinti. Più di questo non potevo chiedere, per noi portare l'Inter ai rigori è come aver vinto la Coppa Italia. Peccato, quando arrivi a questo punto è una lotteria e l'Italia insegna che ai rigori si può anche perdere un Mondiale. Apprezzo tanto chi si è presentato a calciarlo, non era facile farlo davanti a tutto questo pubblico. Spalletti mi ha detto che meritavamo noi di andare avanti, è una persona sincera". La favola del Pordenone finisce qui, domenica si torna alla realtà della Serie C: "Da domani torniamo con i piedi per terra, ci aspetta il Renate. I ragazzi negli spogliatoi erano amareggiati e con la testa bassa, ma ho detto loro che ci rialzeremo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche