Montella dopo Atalanta-Fiorentina: "Quasi perfetti, sono mancate malizia e fortuna"

Coppa Italia

L'allenatore viola commenta il ko in rimonta a Bergamo: “L'avevamo preparata per partire forte e soprattutto nel primo tempo potevamo andare sul 2-0, ci serve più malizia”. Pezzella: “Contatto Ceccherini-Gomez? Rigore dubbio”

FIORENTINA AVANTI E RIMONTATA: A BERGAMO E' KO

GASPERINI: "GRANDE TRAGUARDO, MA ONORE ALLA FIORENTINA"

La Fiorentina manca l'accesso alla finale di Coppa Italia. La sconfitta rimediata in rimonta a Bergamo contro l'Atalanta, unita al 3-3 dell'andata a Firenze, sbarra la strada ai viola di Vincenzo Montella: “C'è tanto rammarico, perché l'avevamo preparata per partire forte e soprattutto nel primo tempo potevamo andare sul 2-0 - è l'analisi dell'allenatore ai microfoni Rai - abbiamo preso gol su un rigore evitabilissimo e su un infortunio di Lafont sul primo gol. Dispiace per la società, per i tifosi e per i ragazzi. La squadra ci ha creduto, anche se dopo l'1-1 abbiamo perso sicurezza. Serviva la partita perfetta e un pizzico di fortuna, che non c'è stata". Per la Fiorentina secondo ko in rimonta dopo quello di cinque giorni prima a Torino contro la Juventus: “La squadra sta bene – le parole di Montella - poi pensare di fare una partita come quella di Torino contro la Juventus per 95 minuti sarebbe impensabile. L'Atalanta ha tenuto bene, è una squadra strutturata e molto forte fisicamente. Ci è mancata anche la capacità di essere risolutivi nelle ultime scelte". La chiave è individuata: “Della squadra mi piace lo spirito e la voglia di lavorare. Sono giovani, dobbiamo diventare più maliziosi. In certe situazioni gli episodi a favore te li devi creare. Ora dobbiamo assorbire questa delusione e con il tempo ci sarà da programmare. Ho necessità di vedere chi ha voglia di mettersi in mostra nel mese che manca".

Pezzella: “Rigore dubbio, ora proviamo a vincere le ultime cinque partite”

L'obiettivo, con una classifica che vede la Fiorentina praticamente fuori dalla corsa all'Europa League, è quello di chiudere “dando tutto come abbiamo sempre fatto sin qui”. Parole del capitano German Pezzella. “Sappiamo che l'Atalanta è una squadra forte – la sua analisi della semifinale di Bergamo - eravamo passati in vantaggio, poi loro hanno pareggiato su rigore e di lì la partita ha vissuto di fasi: loro hanno preso campo e noi abbiamo provato a far male in contropiede”. Pezzella ha parlato anche del contatto Ceccherini-Gomez, che ha portato l'arbitro Calvarese ad assegnare il rigore dell'1-1 firmato da Ilicic: “Resta un contatto dubbio – spiega Pezzella - per me Ceccherini prende la palla. È una dinamica strana, Gomez lascia la palla indietro e va addosso a un avversario. L'arbitro ha dato rigore e non si può tornare indietro”. Concetto valido anche per l'annata della Fiorentina, oggi decima in campionato con 40 punti: “Ora dobbiamo metterci la stessa cattiveria e lo stesso approccio visto sin qui, poi a fine stagione faremo un bilancio”.

I più letti