Milan-Inter, Pioli: "Buon risultato ma meritavamo di vincere"

milan

Felice per la prestazione, un po' rammaricato per il risultato. E' questo, in sintesi, il pensiero dell'allenatore del Milan al termine dello 0-0 con l'Inter: "Abbiamo avuto tante occasioni, siamo mancati in finalizzazione ma meritavamo di portare a casa la vittoria". Sulle chance di qualificazione: "Nell'ottica del doppio confronto è un buon risultato". Su Kessié: "Lui e Bennacer hanno fatto un partitone"

MILAN-INTER 0-0: HIGHLIGHTS E TABELLINO

E' uno Stefano Pioli soddisfatto a metà quello che parla al termine del derby nella semifinale d'andata di Coppa Italia pareggiato 0-0 con l'Inter. Un risultato che lascia la qualificazione molto aperta anche se per l'allenatore rossonero la sua squadra avrebbe potuto ottenere qualcosa di più: "Se lo consideriamo nell'ottica del doppio confronto questo è un buon risultato - dice - Meritavamo di vincere, questo è un raccolto parziale.  La prossima partita sarà difficile, l'Inter è molto forte, ma ce la giochiamo. Abbiamo fatto un percorso importante in due anni e mezzo, vorremo vincere qualcosa per far diventare questa stagione molto importante". Quanto alle scelte di formazione: "Se ho pensato alla gara con il Napoli? No, ho scelto la squadra migliore. Ho valutato le condizioni, l'atteggiamento tattico mi imponeva certe cose. Sappiamo quanto sarà importante la partita con il Napoli, stimolante, ma più gli ostacoli sono difficili e più sarà bello superarli".

"Siamo mancati in fase di finalizzazione"

vedi anche

Milan-Inter 0-0, gli highlights

E' stato un Milan che ha prodotto molto ma che, forse, rispetto ad altre volte è mancato nella finalizzazione: "Chi ha giocato a calcio sa che se un compagno è piazzato meglio è meglio servirlo. Siamo mancati nella finalizzazione, le occasioni ci sono state - spiega ancora - Contro l’Inter non si possono avere 6-7 palle gol, ma li abbiamo messi in difficoltà". Si discute tanto dell'importanza di Kessié che non rinnova il contratto, affiancato a Bennacer in questa occasione: "Kessie e Bennacer hanno fatto un partitone, facendo tirare poco l’Inter. La prestazione è stata di alto livello per tutti i giocatori. Brahim dall'inizio? Ho preferito una squadra di maggiore energia e gamba e sono soddisfatto di quanto messo in campo".

Florenzi: "A Napoli con fiducia e coraggio"

Tra i migliori in campo nel Milan c'è stato Alessandro Florenzi, valore aggiunto pe rla squadra di Pioli: "C’è un livello di crescita importante in questa partita rispetto alle ultime due che abbiamo giocato in campionato - dice - Il rammarico è nel primo tempo, il secondo è stato equilibrato, ma nel primo dovevamo far meglio nell’ultimo guizzo per portarci in vantaggio". Sulla sfida al Napoli in campionato: "Dobbiamo ripartire dalla prestazione di questa sera e portarla anche al Maradona. Sappiamo che sarà una gara importante per noi e per loro ma dobbiamo portare avanti questo coraggio e questo atteggiamento di squadra e avere fiducia nella squadra e in noi stessi". Florenzi si sta ritagliando un ruolo davvero importante in questo Milan: "Sono io che devo dare tutto quello che ho per la squadra e devo fare il possibile per mettere in difficoltà l’allenatore - spiega ancora - Siamo tanti giocatori bravi e tutti cerchiamo di remare verso la stessa direzione. Del Napoli dobbiamo temere il loro gioco, la loro impronta che mister Spalletti ha saputo dare, lui sa cosa penso del suo gioco e di ciò che ha portato a Roma, all’Inter e al Napoli, è un allenatore molto bravo".

Sulle recenti difficoltà che ha incontrato il Milan con le piccole: "La testa fa tanto, le motivazioni, ci sono alcune gare in cui scatta una molla e altre in cui manca, dipende anche da una questione tattica perché se non trovi spazi diventa difficile, mentre quando una squadra ti viene a prendere e ti concede più spazio ci permette di essere più efficaci". Un Florenzi in forma sarà utile anche alla Nazionale: "Io devo solo trovare continuità per me per poi mettere anche in difficoltà Mancini, in Nazionale serviranno delle prestazioni importanti per un obiettivo fondamentale che ha l’Italia".