Arsenal, Mkhitaryan rischia di saltare la trasferta a Qarabag a causa del visto

Europa League
mkhitaryan

Il calciatore armeno non ha il permesso di andare in Azerbaijan per via del conflitto attualmente in atto tra i due Paesi. Per lo stesso motivo rinunciò già a un match nel 2015

EUROPA LEAGUE, TUTTI I GIRONI

EMERY, SHOW AL CELLULARE IN CONFERENZA STAMPA

Quando l'urna di Nyon per l'Europa League ha estratto la pallina del Qarabag, in casa Arsenal avranno probabilmente esultato. Avversario che non fa paura e non rappresenta, almeno sulla carta, un grosso pericolo per qualificazione in un girone completato dai portoghesi dello Sporting Lisbona e dagli ucraini del Vorskla. Tutti a Londra avranno accolto con un sorriso il sorteggio, tranne uno: Henrick Mkhitaryan. Il calciatore potrebbe infatti essere costretto a saltare la trasferta contro la formazione di Qurbanov. Nessun problema fisico, disciplinare o tattico, ma una semplice questione di ... visto. L'ex Dortmund e Manchester United è infatti armeno, Paese attualmente in conflitto con l'Azerbaijan per il controllo del Nagorno-Karabakh, una contesa che conta decenni di morti e dolore alle sue spalle. Un problema non di poco conto per Mkhitaryan, chiamato già nel 2015 - quando indossava la maglia del Borussia - a rinunciare alla gara sul campo del Gabala, altra formazione azera. "La sicurezza generale e quella di tutti i nostri giocatori è sempre una priorità assoluta per noi - ha dichiarato un portavoce dei Gunners -. Daremo un'occhiata a questa situazione, parleremo con il giocatore e prenderemo una decisione dopo". L'UEFA, organizzatrice della competizione, vuole ridurre al massimo questo tipo di problemi e si è già proposta di cercare una soluzione conveniente per tutti: "È una procedura standard per noi inviare lettere di supporto ad associazioni, club o ambasciate al fine di ottenere visti per i giocatori che possono viaggiare in un altro Paese e giocare nelle partite delle competizioni UEFA" ha dichiarato uno dei portavoce. Calcio e politica non è un binomio che ha funzionato con successo in passato e in questo caso, come già accaduto altre volte, potrebbe addirittura negare a un giocatore la possibilità di scendere in campo con la maglia del suo club.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche