Napoli-Stoccarda, anniversario della finale di Coppa Uefa 1989 e della vittoria. Il video

Europa League

Il 17 maggio del 1989 la squadra di Ottavo Bianchi vinse la prima Coppa Uefa della loro storia. Un cammino indimenticabile, concluso dal 3-3 di un Neckarstadion colorato d'azzurro. Un trionfo guidato dalla luce di Maradona e concretizzato dai gol di Careca. Su Sky Sport Football potete rivedere integrale la finale col commento di Riccardo Gentile (ore 14 e 21)

NAPOLI, LA SQUADRA ALLA CENA DI FINE ANNO. FOTO

EUROPA LEAGUE/COPPA UEFA, CHI NE HA VINTE DI PIU'?

17 maggio 1989-17 maggio 2009. Trent’anni esatti da una data unica e indimenticabile per il Napoli. Tre decadi fa, infatti, la squadra azzurra alzava al cielo il primo – e al momento ultimo – trofeo internazionale della sua storia: la Coppa Uefa. Un lungo percorso cominciato con il Paok Salonicco e terminato con lo Stoccarda. Un tragitto fatto anche di sconfitte, ma che la formazione allenata allora da Ottavio Bianchi ha saputo ribaltare, proseguendo quel ciclo vincente iniziato e terminato con la conquista del primo e secondo scudetto, prima della Supercoppa Italiana. È la squadra di Maradona, di Careca, di Ferrara, di Alemão. È la squadra che, trascinata dal suo Pibe de Oro, incanta in giro per l'Europa e spazza via avversario dopo avversario.

Dal Paok alla super rimonta

Il primo a cadere sotto i colpi del Napoli è il Paok Salonicco. Al San Paolo si debutta il 7 settembre 1988 e la firma inaugurale non può che essere quella di Maradona. L'argentino batte il rigore, conquistato da Careca, e spiazza il portiere. È la rete della vittoria e, in virtù del pareggio per 1-1 nella gara di ritorno (diagonale del brasiliano, unica nota stonata i tafferugli tra tifosi), basta e avanza per approdare ai sedicesimi di finale. L'ostacolo successivo si chiama Lokomotiv Lipsia, solo parente del club di proprietà oggi della RedBull. Dalla Germania si riparte con un altro 1-1, confezionato sullo splendido triangolo Careca-Maradona-Francini. Al ritorno, però, la squadra di Bianchi non sbaglia. Francini si conferma goleador anche in casa e ha il merito, poi, di propiziare l'autorete di Sholz che chiude la partita. Una vittoria e un pari è anche il bottino raccolto dagli azzurri negli ottavi contro il Bordeaux. A decidere la qualificazione, in questo caso, è Carnevale: il suo mancino nel freddo del Chaban-Delmas spalanca le porte dei quarti. L'avversaria è la storica rivale di sempre, la Juventus. A Torino, per il Napoli sembra concretizzarsi l'incubo peggiore. Dopo meno di un quarto d'ora i bianconeri sorprendere gli ospiti da calcio piazzato e passano in vantaggio con la botta violenta da fuori di Bruno Pas. A fine primo tempo, poi, un clamoroso autogol di Corradini regala il raddoppio. Per i partenopei sembra finita, ma nel match di ritorno accade il miracolo. Maradona, dagli 11 metri, apre le marcature, seguito dal 2-0 di Carnevale che proietta la sfida ai supplementari. A un minuto dal fischio finale è il colpo di testa di Renica a sancire la clamorosa rimonta che vale una storica semifinale. Il San Paolo impazzisce di gioia e comincia a credere nel successo europeo.

Maradona balla a Monaco e apre le porte della finale

La Juve trova la sua rivincita in campionato, ma il Napoli ha ormai la testa all'obiettivo Coppa Uefa. Galvanizzati dai risultati, gli azzurri dominano i primi 90 minuti contro il Bayern Monaco e portano a casa un preziosissimo 2-0, deciso dai gol a cavallo tra i due tempi di Careca e Carnevale. Si va in Baviera, dove Maradona comincia a dar spettacolo già nella fase di riscaldamento, confermando livelli da Dies anche nel corso della partita. I suoi due assist, infatti, aprono la strada verso la finale. Termina 2-2 e la squadra di Bianchi si prepara all'ultimo atto. 

Careca alimenta il sogno, la festa è nell'azzurro Neckarstadion

L'ostacolo da superare è un'altra volta tedesco: lo Stoccarda. Sì, ancora la Germania. Pochi mesi prima del crollo del muro di Berlino, un'epoca in cui tanti napoletani sono pronti a varcare il confine per cercare miglior fortuna. L'andata però si gioca in Italia. La città vive con entusiasmo e ansia travolgente i primi 90 minuti. Il San Paolo si riempie in ogni ordine di posto e anche più, accompagnando ogni singolo passo dei giocatori con urla di incitamento. A sbloccare il punteggio è proprio un napoletano, vestito però con la maglia biancorossa. Figlio di emigranti, Maurizio Gaudino ammutolisce i suoi ex conterranei con una punizione che beffa il colpevole Giuliani. Un altro rigore di Maradona scuote gli animi dei napoletani, realizzando il pareggio, poi a tre minuti dal termine il destro ravvicinato di Careca mette in fibrillazione i loro cuori. Con il 2-1 in cassaforte il Napoli si prepara agli ultimi 90 minuti. Al Neckarstadion si contano più tifosi azzurri che non sostenitori dello Stoccarda. E l'entusiasmo si accende subito con il triangolo che Alemão finalizza in rete. Neanche il momentaneo pari di Klinsmann basta a scalfire le sicurezze dei ragazzi di Ottavio che, sul finire del primo tempo, si riportano in vantaggio. La firma è quella di Ciro Ferrara, bomber rapace nel trafiggere Immel con il destro al volo. Nella ripresa è Careca, con un contropiede perfetto, a chiudere i giochi. L'autogol di De Napoli e il 3-3 di Schmaler rendono meno ampio il passivo, ma non cambiano le sorti dell'incontro. Il fischio dell'arbitro dà il via alla festa. Del Napoli, dei suoi tifosi presenti allo stadio e di quelli in giro per l'Italia e per l'Europa. È la notte delle stelle. È la prima Coppa Uefa del Napoli.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.