Gattuso: "Avrei voluto giocare contro Maradona. A Napoli forse più popolare di S. Gennaro"

NAPOLI

L'allenatore degli azzurri dopo la vittoria contro il Rijeka: "Il mio rammarico è non essere riuscito a dargli una scarpata da giocatore. Ora andrà a far compagnia a mia sorella. E lui vive: se facciamo un sondaggio qui è persino più popolare di San Gennaro"

NAPOLI-RIJEKA: GOL E HIGHLIGHTS - AD10S DIEGO: LO SPECIALE

Notte surreale al San Paolo. La prima senza Diego, il Napoli vince per lui: "Già ieri sera nel pullman si intravedeva che la città non respirava la solita aria", Gennaro Gattuso si presenta ai microfoni di Sky Sport dopo il 2-0 sul Rijeka. "Ho avuto la possibilità di parlare moltissime volte con Diego, di cenare con lui. Ma il mio grande rammarico è non essere riuscito a dargli una scarpata da giocatore", ricorda l'allenatore con un sorriso. "Ha fatto cose straordinarie, anche se ha sbagliato nella vita privata. E non morirà mai, perché è una leggenda. Le leggende vivono". Per Gattuso il 2020 è stato un anno drammatico nella sfera privata: "Ora Maradona andrà a far compagnia a tante persone, come mia sorella. In città se ne parlerà ancora molto tempo di quel che è successo".

"Napoli come Rio, con il popolo di Diego"

vedi anche

Quanto amore per Diego: l'omaggio dei tifosi. FOTO

In secondo piano, inevitabilmente, l'analisi della partita: "Oggi abbiamo fatto meglio rispetto alla gara d'andata", Gattuso promuove i suoi. "Anche se abbiamo sbagliato tanto, perché ci siamo andati a imbucare. Se avevo litigato con i giocatori? Sono state diffuse cose non vere. Ho detto loro solo quello che pensavo. Voglio vedere più spesso lo spirito di sacrificio e la mentalità giusta, a prescindere dal risultato". Poi la commozione ha il sopravvento. Il discorso torna su Diego: "Maradona non è stato solo il calciatore che ha vinto", spiega Gattuso. "Ma anche l'orgoglio di questa città, indossandone la maglia e rappresentando un popolo intero. Tanti ragazzi oggi si chiamano Diego in suo onore. Penso che sia perfino più popolare di San Gennaro. Questa è Napoli, una città particolare con un'atmosfera e una gioia incredibili: mi sembra di vivere a Rio. Ormai ero al nord da anni, ma io sono sempre rimasto 'terrone' dentro".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.