19 gennaio 2017

Catania, Baldanzeddu: "Ricambierò la fiducia"

print-icon
catania_getty

Secondo rinforzo per il Catania che si prepara a tornare in campo (Getty)

La società rossazzurra ha accolto il nuovo rinforzo per la difesa, che poi si è anche presentato al suo nuovo ambiente: "Ho tantissimo entusiasmo, spero di trovare maggiore continuità di quella che avevo a Venezia"

Si rinnova e si migliora la rosa del Catania di Pino Rigoli. La squadra, che si prepara per tornare in campo per la terza giornata di ritorno del girone C di Lega Pro (contro l’Unicusano Fondi), ha accolto nelle ultime ore anche Ivano Baldanzeddu, difensore classe 1986 ex Venezia. Dopo il ritorno di Giovanni Marchese, l’allenatore dei rossazzurri potrà contare su una nuova pedina per il prosieguo della stagione. "Il Calcio Catania comunica di aver acquisito a titolo temporaneo dal Venezia Football Club il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Ivano Baldanzeddu", aveva reso noto il club con un comunicato ufficiale. Oggi sono arrivate anche le prime parole del calciatore.

Le prime parole da rossazzurro -
"Sono molto contento di essere qui - ha detto Baldanzeddu - ho sentito piena fiducia da parte del Direttore Lo Monaco e del Direttore Sportivo Argurio e ho colto al volo l’opportunità d'indossare la maglia di questa grandissima società, adesso sta a me ricambiare la fiducia che mi è stata concessa, sono già a disposizione della squadra e del mister. Ho tantissimo entusiasmo, spero di trovare maggiore continuità di quella che avevo a Venezia. Sono un laterale di spinta, mi piace molto andare in profondità: in una difesa a quattro gioco da terzino destro; in una difesa a tre posso essere impiegato come esterno di centrocampo, valuterà mister Rigoli con il quale ho già parlato. Con Braglia, in Serie B, ho giocato sei partite da mezz’ala, posso anche adattarmi e giocare sulla fascia sinistra se dovesse mancare qualcuno. Ho subìto un infortunio importante, ma ormai è alle spalle da tempo e adesso sto bene. Indosserò la maglia numero 34".

Obiettivi e speranze -
E ancora: "Che differenza c’è tra girone A e girone C? In quello settentrionale ci sono soltanto tre-quattro squadre che possono competere con il Venezia; in questo, invece, qualsiasi partita può nascondere insidie. Se il Catania non avesse avuto la penalizzazione sarebbe stato al vertice, perché è una squadra costruita per stare al vertice. Faremo di tutto per riportare la società ai massimi livelli, c'è un bel progetto. Tutti mi hanno accolto facendomi conoscere i nuovi compagni: ho trovato un gruppo speciale, sono tutti molto disponibili, ragazzi eccezionali. A 30 anni è bello rimettersi in gioco per provare a conquistare con una società così importante, in una piazza così prestigiosa, gli obiettivi che ci siamo prefissati. Adesso devo soltanto riprendere un po’ di quella continuità che mi è mancata nel Venezia".

Squadra in campo -
Il difensore si unisce così al gruppo che lunedì scenderà in campo nella prima gara del 2017. Il Catania vuole restare in zona playoff per provare poi a centrare la promozione e per riuscirci dovrà eliminare le difficoltà incontrate nel girone di andata soprattutto lontano dal Massimino. Rigoli, nelle prossime ore, farà le sue valutazioni per quello che riguarda la formazione da schierare: Di Cecco e Scoppa saranno squalificati, ma a disposizione del tecnico ci saranno due nuovi arrivi come lo stesso Baldanzeddu e Marchese.

GIOCHI

sup

Superscudetto

Crea la tua squadra e vinci i premi Sky

Sup

SUPER 6

Pronostica 6 risultati e vinci ogni settimana

Tutti i siti Sky