Liga, ipotesi big match all'estero dalla prossima stagione

Liga
messi_madrid_getty

Secondo il Financial Times, le partite più importanti del prossimo campionato di calcio spagnolo potrebbero essere giocate all'estero, in Cina e negli Usa. Javier Tebas, presidente della Liga: "Il nostro è uno spettacolo globale"

Barcellona-Real Madrid a Pechino. Ma non per un’amichevole. Già dalla prossima stagione le partite della Liga spagnola potrebbero essere disputate all’estero, in Cina o negli Stati Uniti. Lo rivela il Financial Times: l’obiettivo è aumentare gli incassi e ampliare la platea di pubblico internazionale. “La Liga - ha spiegato il suo presidente Javier Tebas - è uno spettacolo globale e noi vogliamo far crescere il suo appeal internazionale. Per questo stiamo discutendo l'opzione di giocare alcuni match fuori dalla Spagna. La discussione è solo a uno stadio iniziale ma come lega appoggiamo questa idea". La grande attrattività del calcio europeo all’estero è dimostrata ogni anno dal successo dei match dell’International Champions Cup. Un esempio? Proprio quest’estate, in occasione del Clásico giocato a Miami tra la squadra di Zidane e quella di Valverde, sono andati a ruba i 65mila biglietti messi in vendita, malgrado il loro costo fosse tra i 600 e i 4500 dollari.

Quella della massima serie spagnola non è un’idea così originale. Già nel 1990 la Nba fece disputare due partite di stagione regolare tra Phoenix Suns e Utah Jazz a Saitama, in Giappone. Negli anni successivi quella dei “Global Games” è divenuta una tradizione per il campionato di basket a stelle e strisce, che dal 2011 ogni anno esporta fino a tre partite ufficiali a Londra e Città del Messico. Un esempio seguito anche dalla Nfl, il campionato di football americano.

Persino il nostro calcio, solitamente molto conservatore, ha disputato 9 edizioni della Supercoppa di Lega in terra straniera, a partire dal 1993, quando Milan-Torino si giocò al Robert F. Kennedy Memorial Stadium di Washington. Ma le partite di campionato sono un’altra cosa. Se ne sono accorti sulla loro pelle i club di Premier League, che nel 2008 videro crollare un simile piano di giocare partite ufficiali all’estero, a causa delle proteste di tifosi, politici e giornalisti.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport