Referendum Catalogna, Piqué in lacrime: "È una vergogna, se sono un problema posso lasciare la nazionale"

Liga
Gerard Pique, difensore catalano del Barcellona (@3gerardpique)

Il difensore blaugrana  condanna il comportamento della Guardia Civile dopo gli scontri della mattinata: "È tutto una vergogna". In serata dopo la vittoria contro il Las Palmas, Piqué, in lacrime, si dice pronto a lasciare la nazionale: "Credo di poter continuare a giocare per la Spagna, ma se do problemi o fastidio a qualcuno della federazione o all'allenatore sono pronto a lasciare"

È stato un giorno importante per la storia della Spagna: in Catalogna si votava il referendum per l'indipendenza della regione. Un evento politico che ha avuto diretta influenza anche sul mondo dello sport, con i protagonisti del presente e del passato del Barcellona che si sono schierati in difesa della democrazia. Tra questi, la persona che sicuramente ha sentito molto la tensione del momento, è stato il difensore del Barcellona Gerard Piqué. Recatosi a votare in mattinata il giocatore era stato molto duro nei confronti delle forze dell'ordine.

Tensione ai seggi, Piqué: "Una vergogna"

Nella mattinata di domenica c'era stata molta tensione in diverse città della Catalogna, attimi di paura in tanti seggi. Scontri a Girona, spari da parte della polizia nazionale, tantissimi feriti a causa di cariche veementi della Guardia Civil. La posizione di Piqué, recatosi a votare verso l'ora di pranzo, non aveva lasciato spazio ai dubbi: "Le immagini parlano da sole. Oggi passerò la giornata meditando e domani saranno prese le decisioni opportune", ha raccontato. "Quello che si è visto in tv è tutto una vergogna".

Lo sfogo di Pique: "Se do problemi lascio la nazionale"

Barcellona-Las Palmas, in programma alle 16.15 sembrava poter essere rinviata. Dopo diverse riunioni e cambi di idee, alla fine la partita si è giocata a porte chiuse per motivi di ordine pubblico. Il Barcellona ha vinto per 3-0 con la doppietta di Messi e il gol Busquets. Ma quello che è accaduto nel dopo gara ha un significato ancora più importante. Un Piquè con gli occhi lucidi si è commosso davanti alle telecamere: "Sono e mi sento catalano. Sono orgoglioso dei catalani e del modo meraviglioso in cui si sono comportati durante il referendum, come del resto hanno fatto per tutti questi anni dove non c’è stato nessun atto di violenza. È dovuta intervenire la guardia civile...per fare quello che ha fatto. Quando si vota si può votare sì, no o scheda bianca, ma l’importante e votare. In questo paese per molti anni c’è stato il franchismo e la gente non poteva votare: questo è un diritto che si deve difendere".

Poi la stoccata finale: "Credo di poter continuare a giocare nella nazionale spagnola, anche perché penso che molta gente in Spagna è contraria a quello che sta succedendo in Catalogna e crede nella democrazia. Però se l’allenatore o qualcuno della federazione crede che sono un problema o do fastidio non ho nessuna difficoltà a fare un passo indietro e lasciare la nazionale prima del 2018".

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche