Saul: "Ho rischiato la mia salute per amore dell'Atletico Madrid. Burgos mi convinse a non rimuovere il rene"

Liga

Il calciatore spagnolo racconta, in un'intervista rilasciata insieme al papà Boria a So Foot, i problemi che lo hanno costretto a giocare per due anni con un catetere interno. Una sofferenza a cui ha pensato di porre fine facendosi asportare il rene, prima di cambiare idea grazie al consiglio del Mono Burgos

L'ATLETICO CONTRO IL VAR: "SPIEGATECI I CRITERI"

"Ho messo a rischio la mia salute per difendere i colori dell'Atletico Madrid". Ogni tifoso di calcio sogna che un calciatore esclami e metta in pratica - in senso metaforico - una frase del genere per la propria squadra del cuore. Saul Niguez, però, ha fatto molto di più e in questi anni ha messo davvero a repentaglio la sua vita pur di continuare a giocare. La prima tappa di questa vicenda risale al 25 febbraio 2015, quando il giocatore dei Colchoneros, durante una trasferta di Champions in casa del Bayer Leverkusen, rimase a lungo a terra e fu poi costretto ad uscire per un durissimo colpo ai reni ricevuto da Papadopoulos che gli provocò giramenti di testa, vomito, tanto da convincere lo staff a portarlo in ospedale. Quel duro colpo subito in terra tedesca lo costrinse negli anni successivi a convinvere con una serie di dolori e conseguenze poco piacevoli. "Nelle ultime due stagioni ho giocato con un catetere interno, urinando molto sangue dopo ogni allenamento e partita" raccontava, infatti, lo scorso anno in un'intervista a Mega lo stesso calciatore dell'Atletico. Una situazione accettata pur di non mollare la squadra ma che, col tempo, gli iniziò a creare una serie di problemi, fino ad arrivare al punto di rischiare seriamente la pelle.

"Andammo in ospedale e Saul, piangendo, mi disse che non sentiva più né gambe né braccia - racconta oggi il padre José Antonio, meglio conosciuto come Boria (ex attaccante), in un'anticipazione dell'intervista rilasciata a So Foot -. Non lo avevo mai visto così in quello stato. Mi disse che era pronto a farsi rimuovere il rene pur di non smettere di giocare a calcio". Il dottore, infatti, gli propose l'asportazione: una soluzione che lo avrebbe tenuto fuori per circa un mese ma, poi, non gli avrebbe più creato ostacoli. Il classe '94 era pronto ad accettare la proposta - spiega il papà -, ma ci pensò il secondo di Simeone, il Mono Burgos, a convincerlo a cambiare idea. «Non farlo, dopo il calcio hai tutta una vita davanti a te» gli disse e mio figlio lo ascoltò. Inoltre, in quel rene, aveva già un problema congenito". Le cure, per fortuna, hanno avuto gli effetti desiderati e da un po' di tempo il calciatore sta nettamente meglio, tanto da essersi tatuato sulla pelle alcune parole che gli ricordano ciò che ha passato e gli danno sostegno in vista del futuro. "La forza non viene dalla capacità del corpo, ma dalla volontà dell'anima" è una delle frasi impresse sul polso, quello che bacia ogni volta che va a segno. E uno dei suoi gol più importanti, in particolare in chiave personale e spirituale, Saul lo segnò proprio l'anno scorso alla BayArena, lo stesso campo in cui il dolore era apparso per la prima volta e, con quella rete, si è forse definitivamente allontanato.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche