Liga, il Barcellona batte 2-0 l'Alaves: titolo ad un passo

Liga

Turno infrasettimanale in Spagna, dove si gioca la 34^ giornata di Liga: negli anticipi del martedì, il Barcellona vince 2-0 contro l'Alaves e si avvicina al titolo: se l'Atletico perde è già campione. L'Huesca batte l'Eibar non smette di credere ad una salvezza che sarebbe miracolosa; vince anche il Valladolid, in uno scontro salvezza fondamentale contro il Girona

VALVERDE: "ESITO LIGA SCONTATO? E' UNA VITTORIA"

ARTHUR VOTA PIQUE’: "ALTO E BELLO"

REAL-ADIDAS, RINNOVO DA 1,6 MILIARDI

Alaves-Barcellona 0-2

54’ Alena, 60’ rig. Suarez

Alaves (5-4-1): Pacheco, Vigaray, Navarro, Laguardia, Ely (71’ Twumasi), Duarte; Rolan (46’ Brasanac), Wakaso, Pina, Jony (81’ Guidetti); Baston. All. Abelardo

Barcellona (4-3-3): ter Stegen; Sergi Roberto, Umtiti, Piqué, Semedo (70’ Jordi Alba); Alena (87' Arthur), Busquets, Vidal; Coutinho, Suarez, Dembélé (61’ Messi). All. Valverde

Regge un tempo il muro difensivo eretto dall’Alaves. Poi un gol di Alena – al termine di una bellissima azione – e un rigore di Suarez (assegnato dopo il consulto Var per fallo di mano) spengono ogni velleità dei padroni di casa e avvicinano il Barcellona al titolo. La Liga ora dista – aritmeticamente – soltanto tre punti: ma una sconfitta dell’Atletico Madrid contro il Valencia, mercoledì, chiuderebbe ogni discorso già in questa giornata. Valverde rinuncia a Messi dall’inizio, proponendo un tridente composto da Suarez, Dembélé e Coutinho: il Barça mantiene il possesso palla nella prima frazione, senza alzare troppo il ritmo ma allo stesso tempo costringendo la squadra di Abelardo quasi esclusivamente a difendersi. Poi, nel secondo tempo, uno-due blaugrana in poco più di 5 minuti: prima una bellissima azione orchestrata da Sergi Roberto e finalizzata da Carlos Alena, complice anche un velo di Suarez; poi un calcio di rigore trasformato da Suarez – che raggiunge Benzema in classifica pichichi – e assegnato per fallo di mano dopo un consulto Var al termine di una convulsa azione nell’area dell’Alaves, che si era conclusa con un gol annullato per fuorigioco. Sul 2-0 Valverde fa alzare dalla panchina Leo Messi, che poco dopo cerca di lasciare un segno dei suoi andando vicino al gol dopo una serpentina in area di rigore: ma Pacheco, con la complicità del palo, evita altri guai. L’Alaves – ben messo in campo tatticamente ma innocui offensivamente nel primo tempo – costruisce un paio di occasioni, ma il Barça resta in controllo e potrà adesso sedersi in poltrona e attendere il risultato dell’Atletico: ma è questione ormai soltanto di tempo, la Liga è già in cassaforte da un po’.

Huesca-Eibar 2-0

54’ Gallego, 57’ Avila

Huesca (4-4-2): Santamaria; Miramon, Etxeita, Mantovani, Galan; Avila (87’ Melero), Musto, Herrera, Ferreiro; Hernandez (75’ Anor), Gallego. All. Francisco

Eibar (4-4-2): Dmitrovic; Cucurella, Alvarez, Oliveira, De Blasis; Milla (70’ Enrich), Diop (43’ Mari), Escalante, Leon; Charles, Kike (40’ Cardona). All. Mendilibar

Una vittoria per continuare a sperare. L’Huesca batte l’Eibar 2-0, lascia momentaneamente l’ultimo posto in classifica (occupato ora dal Rayo Vallecano, che giocherà giovedì a Siviglia) e non smette di credere ad una salvezza che tuttavia appare ancora piuttosto complicata da raggiungere. La squadra di Francisco raggiunge quota 29, a -5 da Levante e Girona a quota 34, rispettivamente terzultimo e quartultimo. La partita dell’Alcoraz si decide nel giro di tre minuti nella ripresa, con il l’uno-due firmato dall’attaccante Gallego e dall’esterno di centrocampo Avila. L’Eibar, a quota 40, è ancora relativamente tranquillo; ma per dirlo con più certezza bisognerà aspettare che si completi la giornata. Nel prossimo turno l’Huesca andrà a giocare in trasferta contro il Villarreal, mentre l’Eibar sarà in scena a pochi chilometri di distanza al Mestalla di Valencia.

Valladolid-Girona 1-0

67’ Herrero

Valladolid (4-4-2): Masip; Moyano, Olivas, Calero (64’ Fernandez), Martinez; Plano (77’ Villa), Herrero, Alcaraz, Rubio; Unal (88’ El Hacen), Sergi Guardiola. All. Sergio

Girona (3-5-2): Bono; Muniesa (77’ Doumbia), Juanpe, Espinosa; R.Garcia (64’ Luiz), Granell, Borja Garcia, Pons (87’ Porro), Ramalho; Stuani, Portu. All. Eusebio

Fondamentale. Non può che essere definita in altro modo la vittoria del Valladolid sul Girona: grazie a questi tre punti, infatti, la squadra di proprietà di Ronaldo (Luis Nazario) ha scavalcato in classifica proprio i catalani e si è portata fuori dalla zona retrocessione, con 35 punti. (Girona fermo a 34). In attesa degli altri risultati (su tutti quelli del Levante e del Celta Vigo, impegnati rispettivamente contro Betis ed Espanyol), la squadra di Sergio respira grazie a un gol di Herrero al 67’. Nel finale il Girona le prova tutte, inserendo anche Doumbia al posto di un difensore: ma né l’ex Roma – tra le altre – né Stuani riescono a impedire la sconfitta. La vittoria del Valladolid assume ancora più valore guardando al prossimo turno, quando Rubio e compagni faranno visita all’Atletico Madrid; per il Girona, invece, match impegnativo in casa contro il Siviglia.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport