Razzismo, caso Neymar-Gonzalez: nessuna sanzione per i due giocatori

Ligue 1

La Commissione disciplinare della Ligue 1 chiude "per mancanza di prove" il caso dei presunti insulti razzisti e omofobi che Neymar e Gonzalez si sarebbero rivolti nel corso di Psg-OM. Nessuna sanzione per i due giocatori, che rischiavano fino a 10 turni di squalifica

IL BOTTA E RISPOSTA "SOCIAL"

Si chiude senza sanzioni per i due protagonisti, il caso di presunti insulti razzisti  rivolti da Alvaro Gonzalez dell'Olympique Marsiglia a Neymar del Psg e dallo stesso Neymar a Sakai nel corso della partita dello scorso 14 settembre (vinta 1-0 dall'OM), con lo strascico social dopo le accuse del brasiliano (che su Twitter rivelò le frasi razziste che Gonzalez gli avrebbe rivolto) e la replica del giocatore dell'OM, al quale Neymar avrebbe rivolto insulti omofobi. Un "caso" che aveva portato a un'indagine da parte della federazione francese per cercare di fare chiarezza, e che si chiude senza "condanne".
 

La Commissione disciplinare, infatti, non ha raccolto prove sufficientemente convincenti per riuscire a stabilire con sicurezza la colpevolezza di uno o dell'altro. "Di conseguenza - si legge in un comunicato ufficiale - ritiene che non ci sia motivo di sanzione per nessuno dei due".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche