user
08 febbraio 2018

Cuper: "Mi danno del perdente? Hanno ragione. Mourinho vince tutte le finali"

print-icon
cup

Il ct dell'Egitto si racconta a La Nacion: "Potrei dire di aver portato una squadra inedita come il Valencia a due finali di Champions, ma se dicono così hanno ragione. Bisogna trarre il lato positivo dalle critiche. Con l'Egitto ho reso felici 70 milioni di persone. Se arriviamo in finale al Mondiale..."

"Mi hanno etichettato come un perdente e io ho sempre risposto che hanno ragione". Hector Cuper si confessa in una lunga intervista a La Nacion e fa un lungo excursus sulla sua carriera, dal primo campionato perso alla guida dell'Huracan fino alla qualificazione Mondiale ottenuta con l'Egitto. "Bisogna sapere che se le critiche sono rispettose fanno parte del gioco - racconta l'allenatore argentino -. E dalle critiche, se non c'è malafede, bisogna trarre l'aspetto positivo. Potrei dire che ho portato l'inesperto Valencia a disputare due finali di Champions League consecutive contro Bayern Monaco e Real Madrid, o che ho condotto il Maiorca in finale di Coppa delle Coppe contro la Lazio di Nedved e Vieri. Tutto vero, ma alla fine sono un perdente. Cos'altro posso dire? Potrebbe piacerti o no, ma Mourinho ha una capacità impressionante: vince tutto. E io non ho questa capacità. Una cosa è raggiungere la finale, un'altra è vincerla. Chi sono io per non ricevere critiche? Ho anche ricevuto degli elogi, perché oggi ogni volta che torno a Maiorca o Valencia mi trattano molto bene. Ho perso molte finali e alcune ne ho vinto. Ho vinto una finale che è straordinaria: andare alla Coppa del Mondo con l'Egitto e tutto questo è fantastico. Ho reso felici 70 milioni di persone". Le delusioni rimediate in carriera non hanno comunque mai demoralizzato l'ex allenatore dell'Inter: "Se vuoi prendere il merito da qualcuno, digli che sei fortunato - continua Cuper -. Ci sono cose che vanno così e le accetto. Quando ho perso la prima finale di Champions League contro il Real Madrid sono andato a casa mia e mia moglie mi ha detto: «L'anno prossimo sarai di nuovo in finale». L'ho guardata e le ho detto: «sì sì, immagino». E l'anno successivo eccoci di nuovo là. Per vedere cosa? Perdere di nuovo ai rigori. Così ho imparato a cercare il lato positivo. Mi sono detto che alcuni club là fuori ora vorranno assumermi perché dicono: «Questo ragazzo ci porta in finale. Poi, visto come sono andate le altre, lo manderemo al cinema e la storia è finita». Per me, raggiungere un finale è sempre stato un merito enorme. Ho allenato per 26 anni e solo in due di queste le cose non sono andate bene perché ci sono momenti in cui è necessaria una pausa. Per cosa? Per vedere il calcio in un altro modo, guardalo da un altro posto. Per vedere cosa sta succedendo nel mondo".

"All'inizio volevo avere tutto il potere. L'esperienza mi ha fatto capire che sbagliavo"

Cuper si sofferma poi, nel corso dell'intervista, su come sia cambiato il modo di allenare rispetto a quando ha cominciato la sua carriera: "All'età di 38 anni, quando ho iniziato a dirigere, volevo portare avanti il ​​mondo. Ha a che fare con il potere della vita - spiega l'Hombre Vertical -. Volevo avere il controllo di tutto e avere il controllo di tutto è molto difficile. Gli anni di esperienza ti mostrano che non c'è un solo modo per entrare nella testa di un giovane uomo, di un calciatore. Ci sono diversi modi e capirlo è molto utile. Prima bastava dare un ordine e la storia era finita. Oggi devi dare spiegazione e convincerli. Inoltre non posso perdere di vista il fatto che il calciatore è cresciuto con la tecnologia. Sono convinto che adesso sappia molto di più di quello che sapevo sul calcio io alla sua età. E devi vincere, perché il calcio può cambiare in mille modi, ma l'obiettivo resta quello: devi vincere la partita. Quello che ho imparato negli anni è: «Non pensare a ciò che è meglio per te, pensa a cosa è meglio per la squadra.  Lascia da parte il tuo orgoglio». I giocatori non vanno trattati tutti allo stesso modo e tra di loro si proteggono tanto. Sono loro oggi i primi a dirti: «Metti lui che ti fa vincere le partite».

"L'Egitto alla finale del Mondiale? Se succede andrò al cinema..."

Il mister originario di Chabas continua analizzando com'è cambio il calcio di oggi e quanto bisogna apprendere dagli ultimi rivoluzionari, come Guardiola, Ancelotti, Del Bosque e Mourinho, per allenare con grandi risultati: "Devi avere un po 'di tutto questo - dice Cuper -. Oggi non puoi dire: sono così e basta, altrimenti rimani nella preistoria. Il calcio si è evoluto. Guardiola fa quel tipo di gioco perché ha dei determinati giocatori a disposizione, se io costringo qualcuno a fare qualcosa di cui non è in grado allora sbaglio. Devi vedere la realtà che hai e adattarti. Poi c'è l'allenatore di grande prestigio che sa che sarà sempre sulla panchina di una delle prime 10 squadre e potrà chiedere tutti i giocatori che vuole. Pertanto non c'è una singola formula vincente. Mi hanno insegnato che la cosa più importante da avere è la sicurezza". L'argentino racconta anche la sua esperienza egiziana: "Mi ha reso più umile - sostiene il ct -. Qui c'è gente che ti incontra e ti ascolta, non mi hanno mai fatto sentire il peso del mio curriculum. Prima di arrivare qui ero totalmente all'oscuro degli aspetti del mondo musulmano. Per il Mondiale ho già un problema però: il ramadan. I miei giocatori digiunano dall'alba al tramonto. E io quando ho alleno? Pizzi all'Arabia Saudita ha lo stesso problema. Il Corano parla di alcune eccezioni se sei in viaggio, bisogna trovare una soluzione e la stiamo cercando insieme allo staff medico perché il ramadan finisce proprio quando la Coppa del Mondo è quasi finita. Quando mi alleno? Alle 5 del mattino? Non posso allenare qualcuno che non beve liquidi o che non abbia calorie nel corpo". In chiusura Cuper fa una battuta su un possibile arrivo dell'Egitto all'ultimo atto del Mondiale: "Se arrivo a un'altra finale vado al cinema - scherza al termine dell'intervista -. Di impossibile non c'è niente. Se devo giocare contro l'Argentina parto con la convinzione di poterla battere. E farò tutto il possibile per raggiungere l'obiettivo".

Qualificazioni Mondiali 2018, tutti i video

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

Aprilia, l'aerodinamica della nuova RS-GP

Dal bob al pattinaggio: gli azzurri in gara oggi

Olimpiadi LIVE: subito lo spettacolo dello snow

Nuovi orari per Genoa-Milan e Lazio-Bologna

Bologna-Genoa: tutte le quote

Serie B: quote e multipla della 27ª giornata

Sei Nazioni, Francia-Italia 34-17

Mondiali 2019: tris Italia, Olanda ko 80-62

Pochettino: "Dembélé come Maradona e Ronaldinho"

Pjanic: "Napoli a mille, ma noi vogliamo tutto"

Torino, frattura del perone per Molinaro

I PIU' VISTI DI OGGI
I PIU' VISTI DI OGGI