Mondiali 2018 Russia, lo sfottò di Mourinho a Caballero: "Io e lui in porta la stessa cosa"

Mondiali
mou_caba

Dopo il pareggio a sorpresa dell'Argentina contro l'Islanda Mourinho si è lasciato andare a un commento sul portiere del Chelsea: "Io e lui in porta bravi uguale". Dunque gli applausi agli islandesi: "Spirito, impegno, forza". Risolto poi anche il mistero dell'inno nazionale, con Caballero a dare le spalle a Leo Messi

E MOURINHO SVELA IL SEGRETO DELL'ISLANDA

MESSI FLOP SU RIGORE, L'ISLANDA RESISTE: LA PARTITA

CALENDARIO E GIRONI - GIOCA COL SUPERMONDIALE DI SKY

Da una parte l’eroe della giornata, Hannes Halldórsson, cinepresa in mano per lavoro e guantoni da portiere quasi per hobby. Dall’altra parte Willy Caballero, 36 anni, cinque squadre in carriera e nelle ultime due stagioni sempre dalla parte sbagliata d’Inghilterra. Al City l’anno scorso, col Chelsea campione. Al Chelsea quest’anno, col City sul tetto della Premier. In Russia è partito lui come titolare dell’Argentina, nonostante appena 4 partite in nazionale alle spalle e coi riflettori  poi rubati dal collegata islandese che è riuscito nell’impresa di fermare Messi dal dischetto. L’ultima volta che Caballero si era ritrovato titolare della sua squadra era stato nel 2014 col Malaga, prima di diventare a tutti gli effetti sempre il secondo di qualcun altro. C’è allora un “problema portiere” nell’albiceleste? Forse, perché lui in campo di sicurezze non ne restituisce troppe, e fuori dal campo non riesce ad ottenere nemmeno molti consensi, parola di José Mourinho. “Caballero? Io e lui in porta saremmo la stessa cosa - ha detto il portoghese a Russia Today - pareremmo esattamente allo stesso modo”.

Mou applaude l’Islanda

Diretto, senza mezzi termini, come è José Mourinho. Armani e Guzman, portieri rispettivamente di River Plate e Tigres, scalpitano in panchina, nonostante contro l’Islanda non ci siano stati errori realmente clamorosi da parte di Caballero. Sul gol un’uscita poco sicura, col pallone regalato a Finnbogason per il tap in del definitivo 1-1. Risultato corretto per Mou: “La parola che mi viene in mente per descrivere la partita dell’Islanda è compattezza, anche in nove in area nel finale. Mai lasciato l’uno contro uno a Messi o agli altri talenti dell’Argentina. Nessuno può fare all’Islanda una colpa di questo atteggiamento, hanno avuto grande spirito, grande impegno e grande forza. Messi sempre costretto a partire da lontano, a tentare sempre un dribbling in più”.

Il mistero dell’inno

Oltre alle parole di Mourinho, Caballero è finito al centro dell’attenzione dopo la partita contro l’Islanda anche per l’episodio curioso durante gli inni nazionali. Squadra rivolta frontale alla telecamera e alla tribuna, lui… girato, quasi dando le spalle al capitano Messi e rivolto verso un punto, solo all’apparenza, imprecisato dello stadio. Motivo? Semplice: ”Quando suona l'inno, cerco sempre la bandiera con lo sguardo - aveva detto già in passato il portiere del Chelsea -. È un'abitudine che ho appreso da Fabricio Coloccini (ex difensore del Milan, ndr.), il primo a farlo in un Mondiale Under 20 poi vinto nel 2001. È un gesto di profondo rispetto e ogni volta che ne ho l'occasione lo ripeto".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche