Mondiali 2018 Russia, Rami il "Ghostbusters": quando fece evacuare l'intero hotel della Francia

Mondiali

Grande festa dopo la vittoria sull'Argentina negli ottavi. Rami esagera e nell'hotel della Francia decide di usare un estintore come "arma" contro i suoi compagni. Scatta l'allarme e arrivano anche polizia e pompieri: "In quel momento ho pensato: ok, sono morto"

JUDO, BICI E NON SOLO: LE PROMESSE DELLA FRANCIA CAMPIONE

MBAPPÈ E IL PREMIO IN BENEFICENZA

Zero presenze in Russia, la Coppa del Mondo vinta a Mosca, Pamela Anderson al suo fianco e una folle notte da Ghostbuster. Ghostbuster? Sì, parola sua, di Adil Rami. Nell’intervista rilasciata a TF1 nello speciale dal titolo “Grazie Bleus”, dove tutti i campioni sono stati celebrati e dove hanno raccontato i loro aneddoti sull’ultimo mese vissuto ai Mondiali. Compreso lui, ovvio, vero amuleto coi suoi baffi in Russia, ma anche a un passo dall’essere rispedito a casa da Deschamps. Il giorno è il 30 giugno, o meglio: la notte del primo luglio. La Francia ha appena battuto l’Argentina in grande stile e nell’hotel che ospita la squadra è grande festa. Tutti vogliono divertirsi, compreso Rami, che però ha scelto di rimanere nella propria stanza a giocare a Fortnite, il videogioco che impazza tra i calciatori. A quel punto scatta il piano: Mendy fa irruzione nella sua camera seguito da alcuni compagni, una scocciatura per l’ex difensore del Milan ora nell’OM che va alla caccia del primo estintore per allontanare i suoi amici. Puntare, mirare, fuoco: "Ghostbusters!" - dice Rami nell'intervista. Come quando Bill Murray e soci tentavano di catturare i fantasmi. Ma le conseguenze del suo gesto sono state quasi disastrose.

Il racconto

Fumo in tutta la stanza. Fumo tossico. Scoppia il caos. Suona l’allarme anti incendio e arrivano polizia e pompieri, non prima però di Deschamps sceso in ciabatte a controllare cose stesse accadendo. Insomma, una scena da film americano con la classica squadra di una high school a combinarla grossa: “Lì ho pensato: ok, ora sono morto - ha confessato lo stesso Rami -. Tutti sono dovuti uscire dall’hotel, noi giocatori e anche lo staff”. Un semplice gioco poi diventato grande spavento e alla fine risoltosi senza nessuna conseguenza. Rami ha continuato così la sua avventura in Russia, seguendo la squadra dalla panchina ma partecipando alla festa. E quel primo luglio rimarrà per sempre un esilarante ricordo della squadra poi diventata campione del mondo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche