Italia-Bosnia, Mancini: "La squadra ha giocato bene. Mancata brillantezza"

Nations League

Il Ct applaude gli azzurri dopo il pareggio con la Bosnia all'esordio in Nations League: "Il risultato non cambia i giudizi. La squadra ha fatto bene nonostante la stanchezza". Carica Bonucci in vista del match con l'Olanda: "Giocheremo la partita dell'anno"

LA DIRETTA GOL DI NATIONS LEAGUE

Dieci mesi dopo l'Italia riparte con un pareggio. La squadra di Mancini, che prima del coronavirus era reduce da undici vittorie consecutive fra amichevoli e qualificazioni agli Europei, viene fermata al Franchi dalla Bosnia. 1-1 il risultato finale, la Nations League degli azzurri inizia così: "Ci dispiace, ci abbiamo provato fino alla fine per fare il secondo gol - ha commentato nel post partita il Ct - i ragazzi hanno fatto bene nonostante la stanchezza. E' mancata la brillantezza, è stata una partita simile a quella di Torino dell'anno scorso (quando l'Italia vinse 2-1 proprio contro la Bosnia all'Allianz Stadium l'11 giugno 2019 ndr)Mi aspettavo comunque di meno, pensavo che i ragazzi sarebbero calati al 65', non potevo chiedere di più hanno cercato di vincere fino alla fine e questo è positivo. Anche perché, si sapeva che sarebbe stata una sfida particolare. Tuttavia è importante che la squadra abbia giocato bene, i giudizi non cambiano per questo pareggio". Il prossimo avversario sarà l'Olanda, che ha vinto la sua prima partita contro la Polonia: "L'impianto di gioco sarà sicuramente lo stesso, cambieremo qualche giocatore. E' difficile giocare due partite consecutive con così pochi allenamenti sulle gambe". 

Bonucci: "Con l'Olanda la partita dell'anno"

vedi anche

L'Italia si ferma a 11: è 1-1 con la Bosnia

Al centro della difesa, come al solito, c'era Leonardo Bonucci con tanto di fascia al braccio: "Sapevamo che ci avrebbero aspettato e che avrebbero potuto farci male in ripartenza. C'è rammarico per il gol preso, poi serviva più pazienza dopo, dovevamo allargare maggiormente il gioco. Era difficile riuscirci dopo 10 mesi, ma portare a casa la vittoria sarebbe stato un bel segnale. Ad Amsterdam dovremo andare a giocarci la partita dell'anno". Nota positiva il carattere della squadra, brava nel rimontare lo svantaggio: "Questo è l'aspetto più importante, vuol dire che la squadra ha voglia di continuare sulla strada giusta che aveva intrapreso". Dall'altra parte la minaccia Dzeko, tra l'altro obiettivo di mercato della Juve: "E' un grandissimo giocatore, di livello mondiale. Ha fisico, tecnica, lettura del gioco. Mette in difficoltà qualunque difesa. Anzi, noi siamo stati bravi a non concedergli troppo, poi lui da grande attaccante ha messo dentro l'unica palla che ha avuto davanti al portiere". Infine la mancanza dei tifosi: "Il calcio è loro, riscaldano l'anima. Mancano come il pane a tavola".

Sensi: "Contento per il gol, non per il pari"

Stefano Sensi ha segnato il gol che ha risposto a Dzeko e che alla fine è valso il pareggio per gli azzurri. Il centrocampista dell'Inter a fine gara era ovviamente soddisfatto del suo contributo, ma non del risultato finale.  "Sono contento per il gol, rammaricato per il pareggio. - ha dichiarato -. Abbiamo fatto una buona partita, siamo contenti, però non era facile ritrovarsi dopo 10 mesi. Se miglioriamo le marcature preventivamente, di sicuro, subiremo meno contropiede. Ho pensato anch'io che nel primo tempo eravamo stati un po' lenti, ma non è facile, perché si difendevano bene. Potevamo sfruttare meglio gli spazi".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport