user
19 luglio 2018

Totti svela: "La notte prima della finale Mondiale ho giocato a carte fino alle 6"

print-icon

In un'anticipazione del libro di Paolo Condò che racconterà la sua vita, l'ex capitano giallorosso svela un aneddoto relativo alla vigilia della finale del Mondiale del 2006: "Ho giocato a carte fino alle 6 del mattino con Gattuso. Solo uno è riuscito a dormire…"

"NELLA TESTA DI TOTTI: QUEL RIGORE ALL'AUSTRALIA", di Paolo Condò

Uscirà in libreria il prossimo autunno e, c'è da starne certi, diventerà subito un must per gli amanti del genere: parliamo dell'autobiografia di Francesco Totti, libro – scritto da Paolo Condò –  che racconterà la vita, gli aneddoti e i retroscena della carriera dell’ex capitano e bandiera della Roma, società in cui oggi è dirigente. Totti che, attraverso il proprio profilo Instagram ufficiale, ha svelato una piccola anticipazione riguardate la notte che ha preceduto la finale Mondiale tra Italia e Francia, vinta dagli azzurri nel 2006: "Bussano alla camera, era mezzanotte. Era Gattuso, gli ho detto che non riuscivo a dormire. Mi ha detto 'famose na scopetta'. Ma che sei matto? E' mezzanotte", gli risposi. Ha detto 'tanto non dormiamo'. Noi malati, uno peggio dell'altro. Siamo stati a giocare a carte fino alle 6 di mattina, una partita dopo l'altra. Poi, avendo lasciato la porta aperta, sentivamo che anche gli altri nelle altre camere erano svegli e stavano giocando alla Playstation. Perciò quella notte nessuno ha dormito, anzi solo uno lo ha fatto. Chi? Lo scoprirete...", ha dichiarato Francesco Totti.

NAZIONALE AZZURRA, TUTTI I VIDEO

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI
I più letti di oggi