Chelsea, la chiudiamo? Ranieri trema e ospita Mou

Premier League

Vanni Spinella

arsenal_chelsea_getty

Il big-match tra la capolista e l'Arsenal (ore 13.30, diretta Sky Sport 3) apre il weekend di Premier: con una vittoria, la squadra di Conte staccherebbe i Gunners di 12 punti. Alle 18.30 Tottenham-Middlesbrough, domenica Leicester-United, con le Foxes ormai in piena lotta per non retrocedere

Può davvero perderla solo lui? In Inghilterra si inizia a sussurrare così, gufi e non: Antonio Conte ha la Premier in tasca. I numeri: il Chelsea guida la classifica con 9 punti di vantaggio sul Tottenham, già affrontato nello scontro diretto, e sull’Arsenal, avversario di questo turno. A 10 punti ci sono poi Liverpool e City. Un podio affollato, con il gradino più alto (molto più alto degli altri) in cui i Blues stanno belli comodi, e gli altri due in condivisione tra 4 squadre che, a turno, si sono candidate al ruolo di anti-Chelsea nel corso del campionato. Proprio questa “rotazione” ha fatto la differenza, penalizzando un po’ tutte le avversarie e lanciando nel frattempo i Blues, sempre costanti nella loro marcia.

Ora l’Arsenal, dunque: che può ridurre il gap a 6 punti oppure vedere il Chelsea scappare, e a quel punto sì che sarebbe veramente dura andarlo a riprendere. Wenger, nel frattempo, può solo mangiarsi le mani: perché mentre Conte in settimana veniva frenato dal Liverpool (1-1), lui riusciva a perdere contro il Watford di Mazzarri, prima volta nella storia dei Gunners in Premier League. A fine stagione, sono momenti come questi che fanno la differenza.

Il weekend di Premier inizia proprio con il big-match (ore 13.30, diretta su Sky Sport 3 HD) che è anche scontro tra i capocannonieri Diego Costa e Sanchez. Gara che all’andata servì a risvegliare Conte, uscito tramortito dall’Emirates (3-0) e deciso dopo quella scoppola a tornare alle origini: difesa a 3, gioco sulle fasce e striscia di vittorie da record. Poche ore dopo, conoscendo già il risultato di Chelsea-Arsenal, scenderà in campo il Tottenham contro il Middlesbrough (ore 18.30, diretta su Sky Sport 3 HD).

Ad alimentare la curiosità ci ha pensato anche il mercato di gennaio, che ha portato in Premier pezzetti di Serie A, da Gabbiadini (Southampton, impegnato contro il West Ham) a Niang e Zarate (Watford, contro il Burnley; il francese ha già esordito nella vittoria sull’Arsenal), fino a Ranocchia (Hull City) che ha già avuto il suo battesimo contro lo United di Ibra e adesso trova il Liverpool: non male come modo di iniziare a conoscere la Premier.

A proposito di United: proprio contro l’Hull City (0-0), Mourinho ha confermato la tendenza a fare lo spaccone con le piccole, inceppandosi al momento di arrivare al dunque. In casa contro le 3 neopromosse ha collezionato la bellezza di 85 tiri e la miseria di 3 gol. Domenica (ore 17, diretta su Sky Sport 3 HD) c’è il Leicester a cui non si può dare della piccola solo in virtù della corona che indossa, anche se la classifica parla chiaro: 2 punti sopra alla zona rossa, la squadra di Ranieri è rimasta l’unica della Premier a non aver ancora segnato un gol in campionato nel 2017. Ultima vittoria il 31 dicembre, 1-0 al West Ham. La Coppa d’Africa (via Mahrez e Slimani, tornato infortunato), in questo senso, non ha aiutato…

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche