Arsenal: Emery colpisce un tifoso del Brighton con una bottiglietta, poi le scuse: "Deluso per un'azione dei miei"

Premier League

Gesto involontario dell'allenatore dei Gunners che, arrabbiato per un'azione dei suoi, si sfoga calciando una bottiglietta ma finisce per colpire un fan dei padroni di casa. Subito le scuse e la stretta di mano con la vittima dell'episodio: "Ero solo deluso dai miei"

LIVERPOOL-ARSENAL LIVE

ARSENAL, A BRIGHTON FINISCE 1-1

SALAH, TUFFO E POLEMICHE: RISCHIA LA SQUALIFICA

L'Arsenal e le bottigliette d'acqua, un rapporto che negli ultimi tempi è diventato alquanto ... pericoloso. Una settimana fa, infatti, era stato un tifoso dei Gunners a scagliare l'oggetto incriminato verso Dele Alli nel corso del derby di Carabao Cup. Un gesto di frustrazione verso il giocatore del Tottenham, autentico trascinatore dei suoi nel 2-0 finale, che aveva risposto sbeffeggiando il fan dei biancorossi e indicando a lui con le dita il risultato della partita. Durante il Boxing Day, invece, il protagonista è diventato Unai Emery. L'allenatore spagnolo, nei minuti finali del match in casa del Brighton, ha alzato il suo livello di tensione per le difficoltà nel trovare i tre punti - dopo il botta e risposta firmato da Aubameyang e Locadia - e all'ennesima azione sciupata non ha saputo più trattenersi. La rabbia per l'occasione mancata lo ha portato a reagire verso la 'solita' bottiglietta, ma il calcio scagliato dal manager dei Gunners è stato fin troppo violento e ha finito per colpire un tifoso di casa. Il gesto ha ovviamente riscaldato gli animi dei sostenitori dei Seagulls, pronti a subissarlo di fischi, ma si è trattato solo di un bersaglio involontario. Emery, infatti, accortosi della direzione presa dalla bottiglietta è andato subito a scusarsi verso il supporter colpito. L'ex Psg si è sinceramente pentito di aver sfogato così la sua delusione e, al triplice fischio, è tornato di nuovo verso il settore occupato dai fans del Brighton per spiegare l'involontarietà del gesto e fornire la propria versione al quarto uomo. "Ho chiesto scusa ai tifosi perché ho dato un calcio a una bottiglia dopo un’azione che non è finita come speravo negli ultimi minuti” ha poi dichiarato ai media al termine della partita. Una situazione nettamente differente rispetto a quella accaduta una settimana fa in Coppa di Lega e che ha avuto il giusto epilogo: il tifoso 'vittima' del suo calcio ha accettato le scuse e ha stretto la mano all'allenatore dell'Arsenal.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche