Tottenham, Mourinho: "Passione e responsabilità per il club, risaliremo"

Premier League

L'allenatore portoghese si è presentato così attraverso i canali ufficiali del Tottenham: "Prometto passione, ho sempre parlato bene del grande lavoro del club e delle potenzialità della squadra. Abbiamo le migliori strutture del mondo"

WEST HAM-TOTTENHAM LIVE

Nuova avventura in Premier League, per José Mourinho, dopo l’addio al Manchester United. Riparte dal Tottenham, il portoghese, e ai canali ufficiali del club ha rilasciato le sue prime parole da allenatore degli Spurs. "Non potrei essere più felice e se non fossi felice come lo sono ora, non sarei qui. Cosa posso promettere? Passione, per il mio lavoro ma anche per il mio club. È un privilegio quando un allenatore arriva in una società e sente questa felicità in relazione alla squadra che sta per avere. Non ci sono parole del momento, non ci sono parole che mi escono da allenatore del Tottenham. Sono parole che ho detto e ripetuto negli ultimi anni anche come avversario. Giocare contro il Tottenham a White Hart Lane è sempre stato duro ma difficile. Era uno di quei posti dove io andavo con passione ma anche con rispetto. Ho sempre detto del potenziale del club, delle qualità dei giocatori, del lavoro magnifico che la società stava facendo". Mourinho è molto soddisfatto anche da un punto di vista maggiormente tecnico: "Mi piace davvero questa squadra e guardando ai calciatori più giovani non c'è un solo allenatore nel mondo a cui non piacerebbe giocare con i giovai e aiutarli a migliorare. Il problema è che a volte si arriva in squadre dove il lavoro alle spalle non è abbastanza buono per produrre questi giocatori, così guardo alla nostra storia e si vede che l'Academy sta sempre a sfornare i talenti di cui la prima squadra ha bisogno. Naturalmente io rivolgo la mia attenzione nel lavorare con questo profilo".

Le strutture del club

 Il Tottenham dispone delle strutture tra le più all’avanguardia nel mondo del calcio e José Mourinho ha subito evidenziato questo aspetto. "Se si dice ‘bello stadio’ si è troppo umili. Bisogna dire che è il miglior stadio del mondo. Penso che sia la realtà. Il centro di allenamento non è secondo a nessuno. Probabilmente può essere paragonato a quello di alcune squadre americane di football, ma non si può accostare a quello delle squadre di calcio europee, nemmeno a quelle top - e io ci sono stato in molte di queste. È impossibile allo stesso modo fare un paragone con lo stadio. Penso che sia qualcosa che ci renda tutti molto molto orgogliosi. Ma non si tratta solo di questo: le condizioni che si hanno per lavorare sono assolutamente fantastiche" ha proseguito.

Risalire in classifica

"In relazione alla Premier penso che sappiamo dove siamo e che non apparteniamo a quella zona. Dovremmo soltanto giocare gara dopo gara, la partita da vincere sarà sempre la successiva e così vale per tutte le altre fino alla fine. Al termine della stagione vedremo dove siamo ma so che staremo in una posizione di classifica diversa rispetto a quella attuale. Guardo alla sfida, alla responsabilità di portare felicità a tutti coloro che amano questa squadra" ha concluso Mourinho.

I più letti