Deeney, primo allenamento per l'attaccante del Watford dopo il rifiuto

Premier League

L'attaccante è tornato ad allenarsi per la prima volta, dopo il rifiuto delle scorse settimane per il timore di contrarre il Coronavirus. La preparazione del Watford continua in vista della ripresa della Premier League del prossimo 17 giugno

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Troy Deeney è tornato per la prima volta al campo di allenamento del Watford, dopo essersi rifiutato di partecipare agli allenamenti svolti dal club nei giorni scorsi. L'attaccante è stato infatti il principale sostenitore di coloro i quali erano contrari alla ripartenza del campionato, dichiarando di aver voluto tutelare, con la sua assenza, la propria salute e soprattutto mettere al riparo il figlio di 5 mesi, nato prematuro e con difficoltà respiratorie, da un'eventuale positività al Coronavirus. Una posizione, quella di Deeney, che è però lentamente mutata nel corso delle settimane, come lo stesso calciatore ha dichiarato qualche giorno fa ai microfoni di CNN Sports: "Ho solo detto che non mi sarei allenato per la prima settimana, mentre tutti hanno preso le mie parole come un rifiuto definitivo. Ho parlato con Jonathan Van Tam (vice Chief Medical Officer del Governo Inglese ndr) che mi ha fornito un'analisi dettagliata sulla situazione". Un rifiuto che però ha portato alcune conseguenze davvero spiacevoli per Deeney, alle prese con la maleducazione di alcuni tifosi: "Ho ricevuto messaggi nei quali auguravano a mio figlio di contrarre il Coronavirus. Viviamo in una società che ci sprona a parlare e a rendere pubbliche le nostre fragilità, ma appena lo facciamo veniamo massacrati". Messe alle spalle queste difficolta, adesso Deeney si potrà concentrare nuovamente sul calcio e sul campo da gioco. La Premier League infatti ripartirà il prossimo 17 giugno e il Watford ha un disperato bisogno dei suoi gol (6 in 18 partite giocate) per conquistare la salvezza e mantenere un posto nella massima serie inglese.

CALCIO: SCELTI PER TE