Superlega, Guardiola: "Lo sport non è sport se non c'è rapporto tra fatica e risultato"

superlega

L'allenatore del Manchester City, uno dei 12 club fondatori, dice la sua sulla Superlega: "Non ho tante informazioni a riguardo, ma la mia opinione è che non è sport se non c'è rapporto tra fatica e risultato, se la vittoria è garantita e la sconfitta non conta. Il problema è che ognuno pensa ai propri interessi, anche l'Uefa in tal senso ha fallito"

SUPERLEGA: NEWS E REAZIONI IN DIRETTA

Tra i 12 club fondatori della Superlega c'è anche il Manchester City. In occasione della conferenza stampa di vigilia al match contro l'Aston Villa, Pep Guardiola ha finito inevitabilmente per affrontare l'argomento. "Non sono la persona giusta per rispondere a queste domande - ha detto l'allenatore -. Noi non abbiamo tutte le informazioni ma posso solo dare una mia opinione perché per ora c'è solo un comunicato. Io supporto il mio club e amo farne parte ma mi piacerebbe che il presidente di questo comitato facesse il giro del mondo e parlasse in modo chiaro spiegando dove sta andando il calcio, quali saranno i vantaggi, come hanno preso questa decisione e come hanno scelto chi far partecipare e chi no. L'Ajax ha quattro o cinque Champions ma non ci sarà, perché? Devono chiarirlo a tutti noi.

"Ognuno fa i propri interessi, anche l'Uefa ha fallito"

"Detto questo, ogni club difende la sua posizione - ha proseguito il manager dei Citizens -. Ognuno fa i propri interessi. Quando parlano Premier League e Uefa, si prendono cura dei loro interessi. Per arrivare al punto dove siamo oggi, anche la Uefa ha fallito. Quando abbiamo definito questa stagione come la più difficile a causa della pandemia, abbiamo lottato per avere cinque sostituzioni e ogni squadra ha badato a se stessa, non ai giocatori. Tutti stanno affrontando questa situazione e stanno soffrendo economicamente. Dovremmo andare tutti nella stessa direzione, ma invece tutti pensano ai propri interessi, anche l'Uefa. Vi faccio un esempio: Lewandowski si è infortunato nel match tra Polonia e Andorra perché l'Uefa ha deciso di farlo giocare lì, e così non ha potuto giocare i quarti di Champions tra Bayern e Psg, obiettivo per la quale ha combattuto e lavorato ogni singolo giorno per 10 mesi. È stata irresponsabilità del Bayern? No, dell'Uefa. Ma quando ne parliamo non ascoltano".

"Lo sport non è più sport se non esiste il rapporto tra fatica e risultato"

approfondimento

Klopp contro la Superlega: "La gente non è felice"

"La Superlega è un embrione che non respira ancora, questa è la realtà - ha spiegato Guardiola -. La prossima settimana giocheremo la Champions League e cercheremo di arrivare in finale e la prossima stagione giocheremo le competizioni europee perché ce lo meritiamo e l'abbiamo meritato sul campo. Lo sport non è più sport se non esiste il rapporto tra fatica e risultato. Lo sport non è più sport quando la vittoria è garantita. Non è uno sport quando non importa se perdi. Non è giusto che le squadre combattano al vertice e non possano qualificarsi. Ecco perché ho detto molte volte che voglio una Premier League di livello e non una sola formazione al vertice, non è giusto che una squadra lotti per arrivare in vetta e dopo non può qualificarsi perché quel posto è già garantito a pochi. Non so cosa cambierà: la gente dice che forse quattro o cinque squadre potranno unirsi alle società già presenti, ma cosa succederà alle 14 o 15 che non fanno una buona stagione e ogni volta restano lì? Questo non è uno sport".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport