Cristiano Ronaldo, manata a un giovane tifoso dell'Everton: la polizia indaga

man united

Gesto di frustrazione di CR7 che mentre si dirigeva verso gli spogliatoi ha gettato violentemente a terra il telefono di un giovane tifoso dell'Everton che lo stava riprendendo da pochi metri. La madre del ragazzo indignata, la polizia ha aperto un'indagine. Le scuse del giocatore su Instagram: "Bisogna sempre dare l'esempio. Chiedo scusa per il mio sfogo e invito il tifoso a Old Trafford in segno di fair-play"

Per Cristiano Ronaldo è forse la stagione più difficile della sua intera carriera. Nonostante il suo ritorno a Old Trafford, il Manchester United sta vivendo un'annata negativa e la sconfitta di sabato contro l'Everton (1-0) è stata solo l'ultima delle tante delusioni collezionate quest'anno (i Red Devils sono settimi in classifica, a -6 dalla zona Champions). Per Ronaldo, oltre alla sconfitta si è aggiunto anche il problema alla gamba destra, una ferita che lo ha fatto sanguinare e zoppicare. Insomma, un pomeriggio nero per CR7 che ha sfogato tutta la sua rabbia e frustrazione al momento dell'uscita dal campo: un bambino stava riprendendo il momento del passaggio del campione portoghese, quando proprio Ronaldo ha colpito la mano del ragazzo, facendogli cadere a terra il telefono. La madre del giovane, autistico, ha espresso tutta la sua indignazione per l'episodio: "Mio figlio è molto turbato da questo episodio e non vuole più tornare allo stadio, dove era andato per la prima volta". La polizia del Merseyside ha annunciato di aver aperto un'indagine sul giocatore: ascolterà i vari testimoni e valutaterà attraverso le immagini messe a disposizione dall'Everton se ci sono ipotesi di reato.

Il messaggio di scuse di Ronaldo su Instagram

leggi anche

Quali sono gli attacchi più prolifici d'Europa?

Smaltita la rabbia, in serata Cristiano Ronaldo ha pubblicato su Instagram una foto che lo ritrae con un'espressione quasi pentita, e una lunga didascalia per chiedere scusa per il gesto fatto: "Non è mai facile affrontare le emozioni in momenti difficili come quello che stiamo affrontando. In ogni caso, bisogna essere sempre rispettosi, pazienti e dare l'esempio a tutti i giovani che amano il nostro bellissimo sport. Vorrei scusarmi per il mio sfogo e, se possibile, vorrei invitare questo tifoso a guardare una partita a Old Trafford in segno di fair-play e sportività".