Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
28 ottobre 2016

Inter, Ausilio: "Nessun allenatore contattato"

print-icon
Inter

I vertici dell'Inter garantiscono: "Siamo molto soddisfatti di De Boer" (Foto Getty)

Il ds nerazzurro ribadisce: "Siamo convinti che il progetto di De Boer sia vincente". L'assemblea dei soci approva all'unanimità il bilancio: il passivo è di 59 milioni di euro, ma in base ai criteri per il calcolo Uefa la perdita è inferiore ai 30 milioni

Nel giorno dell'assemblea dei soci dell'Inter (che ha approvato all'unanimità il bilancio al 30 giugno 2016, che dovrebbe registrare un passivo di circa 59 milioni di euro), non può non restare in primo piano la posizione di De Boer. Il ds Piero Ausilio garantisce: "Non abbiamo contattato nessun allenatore, sfido chiunque a dire il contrario. Al massimo sono gli altri che si propongono perché la panchina dell'Inter fa gola a tutti, ma la panchina dell'Inter è di Frank De Boer. Abbiamo fatto una scelta a fine agosto, lo sosteniamo e siamo convinti che il suo progetto di calcio sia vincente".

"De Boer non è solo" - "L'allenatore è più tranquillo di quanto voi pensiate e abbiamo sempre ribadito la nostra fiducia anche davanti alle telecamere - ha  evidenziato Ausilio - De Boer non è solo. Siamo sempre al fianco della squadra, dell'allenatore e del suo staff. Tutti i giorni. Stiamo crescendo e stiamo cercando di migliorare. E' normale che in questo processo ci siano delle battute d'arresto. Il nostro compito non è  limitarsi a guardare il risultato. Noi facciamo analisi più profonde  rispetto a quello che leggo sui giornali. Guardiamo le prestazioni della squadra e analizziamo insieme all'allenatore ogni aspetto per  capire come poter migliorare".

Gabigol, presto il suo momento - C'è spazio anche per una considerazione su Gabigol, colpo di mercato  dell'Inter ma finora una meteora in serie A: "E' un ragazzo giovane, di grande talento. Sta lavorando duramente e ha solo bisogno di essere inserito al momento giusto e nel modo giusto. E' un ragazzo umile, che ha voglia di crescere e di migliorare. Arriverà presto il suo momento".

Fair play finanziario rispettato, ricavi in crescita - L'ad nerazzurro Michael Bolingbroke ha spiegato che la società è in linea con i parametri del Fair Play Finanziario. Infatti il passivo da considerare per il calcolo in base ai criteri Uefa è di -29 milioni, in linea con l'obiettivo da raggiungere secondo l'accordo ("Settlement agreement") con la federazione calcistica europea. Buone notizie per il bilancio nerazzurro arrivano alla voce ricavi: si passa dai 198 milioni dello scorso anno ai 241 milioni di quest'anno. Una crescita che arriva grazie all'aumento dei ricavi commerciali e di quelli dalla gestione dei diritti dei calciatori.

Suning soddisfatta, ma punta ancora alla Champions - Suning è soddisfatta degli sforzi fatti dalla presidenza dell'Inter e dalla dirigenza per raggiungere gli obiettivi del Fair Play Finanziario. E' quanto spiegato, durante l'assemblea dei soci, da Yang Yang vicepresidente di Suning Investment Group. La proprietà supporta dirigenti e squadra, convinta che insieme si possano fare grandi cose grandi cose, in campo e fuori. Nonostante alcune difficoltà sportive il Suning vuole veder tornare la squadra in Champions.

Il messaggio di Thohir: "Massimo supporto ad allenatore e squadra" - I risultati dell'Inter sul campo non sono stati purtroppo sempre soddisfacenti ma contro il Torino sono arrivati tre punti importanti dai quali il club vuole ripartire, perché nonostante le difficoltà gli obiettivi restano gli stessi: tornare in Champions League. E' il messaggio che Erick Thohir ha voluto trasmettere, tramite il presidente dell'assemblea Nicola Volpi, agli azionisti presenti all'assemblea dei soci del club nerazzurro. "Resta la vicinanza - sottolinea il presidente - all'allenatore e alla squadra e la società si prende le proprie responsabilità per continuare a prendere le decisioni necessarie al bene dell'Inter".

Bolingbroke: "Soddisfatti di De Boer" - "Vogliamo giocare la Champions nella prossima stagione, ma non abbiamo rinunciato al titolo italiano. E' sempre nella nostra agenda" ha sottolineato il Ceo dell'Inter Michael Bolingbroke, "Siamo soddisfattissimi di Frank De Boer, ha accettato di venire all'ultimo minuto e non è una situazione facile. Siamo al 100% al suo fianco".