Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
15 novembre 2016

Sampdoria, Torreira: “Il gruppo è umile e unito”

print-icon
Lucas_Torreira_Sampdoria_Getty

Lucas Torreira, centrocampista della Sampdoria (Getty)

In attesa di ritrovare tutti i nazionali, Giampaolo lavora per preparare la gara contro il Sassuolo. Parla Torreira: "Sogno di giocare nell'Uruguay"

Giornata di lavoro in casa Sampdoria, la squadra blucerchiata si prepara per la prossima sfida casalinga contro il Sassuolo. Appuntamento domenica alle ore 12:30, con Giampaolo che attende di ritrovare tutti i suoi giocatori di rientro dalle rispettive nazionali. Proprio a questo proposito, arrivano buone notizie per Pedro Pereira, che presto tornerà a Genova dopo aver conquistato l’accesso al prossimo Europeo Under 19 con il suo Portogallo. Intanto, in mattinata Lucas Torreira ha parlato al canale YouTube ufficiale del club, raccontando le sue sensazioni e i suoi sogni per il futuro.

“Genova è casa mia - ha detto il centrocampista classe 1996 - vivo qui con mia mamma e con un amico, mi trovo bene. Mi sto ambientando sempre di più in questa città, mi è piaciuta sin da quando sono arrivato. C’è il mare e questo mi piace tantissimo. Dopo aver giocato la Serie B con il Pescara, che è stata molto importante per me che sono giovane e sono cresciuto vivendo questa bella esperienza, Giampaolo ha creduto in me sin dal primo momento, mi ha dato fiducia e io sto cercando di dare il massimo per ripagarlo in allenamento e in campo. La cosa che mi ha colpito di più in questo gruppo è l’umiltà, la voglia di fare bene; tutti mi hanno accolto subito come uno di loro e questa è una cosa bella”.

“Mi manca l’Uruguay dove vivono ancora mio padre, i miei cinque fratelli che giocano là e tutti i miei amici con cui sono cresciuto, con cui giocavo e andavo a ballare. Oggi quando non mi alleno mi piace passeggiare o andare al mare, oppure andare a mangiare in un ristorante brasiliano. Il calciatore che mi piaceva di più? Forlan, lui era nei grandi club e ha fatto benissimo nella Nazionale. Per questo l’ho sempre guardato e seguito nelle squadre in cui ha giocato. Ho il doppio passaporto (uruguaiano e spagnolo) ma il mio sogno è quello di giocare con la nazionale del mio paese e indossare la maglia dell’Uruguay. È una squadra forte, seconda nel girone delle qualificazioni per i prossimi mondiali. In squadra ci sono tanti sudamericani, beviamo il mate insieme (che per noi è come un amico), stiamo bene e facciamo gruppo”.