Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
16 novembre 2016

Palermo, prosegue il lavoro: gli infortunati

print-icon
Roberto De Zerbi - Palermo

Roberto De Zerbi, alla prima esperienza in panchina in Serie A con il Palermo (Lapresse)

La squadra di De Zerbi ancora in campo oggi nel ritiro di Coccaglio. Aspettando i nazionali e qualche buona notizia dall'infermeria

Il Palermo prosegue la propria preparazione in vista della prossima sfida di campionato. In ritiro a Coccaglio, in Lombardia, da domenica scorsa, la squadra di De Zerbi continua a lavorare per avvicinarsi al meglio alla gara contro il Bologna di Donadoni. Doppia seduta di allenamento oggi per i rosanero: allenamento mattutino con esercitazioni tattiche in campo, mentre nel pomeriggio la squadra ha svolto un lavoro tecnico-tattico con partitella finale a campo ridotto. Capitolo infortunati (tanti in casa Palermo): buone notizie da Andrea Rispoli e Carlos Embalo che hanno lavorato regolarmente in gruppo, mentre Thiago Cionek, rientrato nelle scorse ore dagli impegni con la sua Polonia, ha svolto soltanto un programma differenziato senza allenarsi quindi con il resto dei compagni.

Lavoro differenziato anche per Norbert Balogh e Giancarlo Gonzalez, che hanno aumentato i carichi di lavoro e forzano per rientrare il prima possibile a disposizione di De Zerbi. Soltanto terapie, invece, per gli altri fermi ai box: Simone Giuliano e Slobodan Rajkovic. Piccole buone notizie, infine, per Accursio Bentivegna e Aleksandar Trajkovski che si sono sottoposti sì alle cure terapeutiche dello staff rosanero ma che poi hanno anche svolto un allenamento differenziato in campo. Verso il rientro.

Il ritiro a Coccaglio, fortemente voluto dal presidente Maurizio Zamparini non per ragioni punitive ma per preparare al meglio la sfida contro il Bologna in un luogo dove, anche negli ultimi anni, il Palermo si è rifiutato per allenarsi con concentrazione e serenità, proseguirà fino alla gara di domenica. Sabato mattina in conferenza stampa parlerà l’allenatore Roberto De Zerbi che, nelle prossime ore, potrà riabbracciare tutti i nazionali: da Aleesami a Nestorovski, il Palermo ha bisogno di loro. Per ritrovare il sorriso dopo settimane difficili, sperando che il ritiro di Coccaglio intanto abbia ridato entusiasmo, serenità e tranquillità a tutto il gruppo.